Condividi
L'impegno animalista

Quando una diva del cinema parla la stessa lingua delle associazioni animaliste

sabato 30 Marzo 2024

Vogliamo iniziare con una frase di Émile Zola: “Il compito più alto di un uomo è sottrarre gli animali alla crudeltà”, per raccontarvi come una diva e delle associazioni in difesa degli animali possano parlare le stessa lingua.

Brigitte Bardot

BB aveva solo 38 anni, era nel pieno fulgore della sua carriera, quando decise di abbandonare le folli notti di Saint Tropez e diventare paladina degli animali. Ma quale fu il motivo scatenante che le fece prendere questa drastica decisione? Racconta che,  nel 1973, durante il film “Colinot l’alzasottane”, diretto da Nina Companéez e ambientato nella Francia medioevale, la proprietaria di una capretta le si rivolse così: “si sbrighi a finire la sua scena, perché domenica è la comunione di mio nipote e dobbiamo farla allo spiedo”. L’attrice , per salvare la piccola da quella terribile fine, la comprò  e la portò con sé nella camera dell’hotel a cinque stelle, che la produzione le aveva riservato.  Quel giorno prese la decisione di smettere con il cinema e di aiutare gli animali. Nel 1986 istituisce la Fondazione Brigitte Bardot per il Benessere e la Protezione degli Animali, che finanzia con 3 milioni di franchi raccolti vendendo all’asta i suoi gioielli e altri beni personali, compresa la villa a Saint-Tropez,  che dona interamente alla Fondazione. La sua frase iconica è: “Ho dato la mia bellezza e la mia giovinezza agli uomini. Ho intenzione di dare la mia saggezza e la mia esperienza agli animali“.

Team investigativo “Essere Animali”

Pochi giorni fa, apprendiamo LaPresse che  il Team investigativo di “Essere Animali”, tornato sulla A4, al confine tra Italia e Slovenia, per monitorare i camion provenienti dall’Est Europa, diretti ai macelli di varie regioni italiane, riscontra diverse violazioni delle norme UE: sovraffollamento, presenza di animali non svezzati su mezzi non adeguati ad alimentarli, a cui seguono sanzioni per migliaia di euro. All’interno di un camion, in arrivo dalla Romania e diretto in Puglia, salvano un agnello che, incapace di reggersi sulle zampe, viene affidato a Essere Animali, per iniziativa della veterinaria dell’Asl intervenuta insieme alle autorità. L’agnellino è adesso sotto le cure di un veterinario.

Quattro gambe buono, due gambe cattivo.

(George Orwell)

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Chi spaccia il crack vende morte ai ragazzi” CLICCA PER IL VIDEO

Seconda parte dell’intervista de ilSicilia.it a Francesco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. L’importanza delle strutture nei quartieri delle città, le proposte dal basso e le iniziative legislative sul tema della tossicodipendenza.

BarSicilia

Bar Sicilia, Di Sarcina e la rivoluzione dei porti del mare di Sicilia Orientale CLICCA PER IL VIDEO

Dal Prg del porto di Catania ai containers ad Augusta, passando per lo sviluppo di Pozzallo e l’ingresso di Siracusa nell’AP, il presidente Di Sarcina spiega obiettivi e progetti

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.