Condividi
una nuova tecnologia sperimentata in Italia

Quanto è stabile un ponte? Te lo dice lo smartphone

giovedì 3 Novembre 2022
Verificare la stabilità dei ponti usando semplicemente i dati raccolti dagli smartphone di chi ci transita sopra: è stata sperimentata in Italia, in particolare a Ciampino, la tecnologia sviluppata sotto la guida dell’Istituto di Tecnologia del Massachussetts (Mit), per monitorare lo stato di salute dei ponti, ridurre costi e allungarne la vita d’esercizio.

Il lavoro pubblicato sulla rivista Communications Engineering e in cui ha collaborato anche Paolo Santi dell’Istituto di Informatica e Telematica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) punta a essere ampliato per monitorare ponti e viadotti dell’intera rete stradale.

“L’idea è quella di raccogliere i dati dei telefonini relativi alle vibrazioni che si registrano durante il transito su un ponte e identificare dati che possano darci informazioni sullo stato di salute della struttura”, ha spiegato all’ANSA Paolo Santi che collabora anche al Senseable City Lab del Mit. Per verificarne l’efficacia i ricercatori hanno svolto dei test, in collaborazione con Anas su una serie di viadotti nel territorio del comune di Ciampino su cui erano già istallati dei sensori fissi. “Il confronto dimostra che il metodo ha una buona accuratezza ma per renderlo un metodo realmente pervasivo ed estendibile su tutta la rete ci sono da affrontare una serie di sfide”. Prima tra tutte la capacità di imparare a distinguere i passaggi ‘migliori’, ossia utilizzare solo i dati di passaggi effettuati alle velocità più adatte alla raccolta dati e quelli con i minori disturbi, ad esempio una buca o il passaggio di camion pesanti nello stesso momento. “Monitorare una struttura, inviando una squadra di tecnici e istallando sensori è oggettivamente costoso e complesso”, ha spiegato Santi.
“Migliorando la nostra tecnica – ha proseguito – potremmo in futuro usarla in modo diffuso così da poter segnalare per tempo eventuali criticità e indirizzare con più facilmente dove fare analisi più approfondite con tecnici o sensori”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, parla il Prefetto Cucinotta: “Tuteleremo fondi Pnrr da infiltrazioni mafiose. E’ un problema nostro” CLICCA PER IL VIDEO

Il Prefetto di Palermo Maria Teresa Cucinotta intervistata a margine dell’iniziativa “Giornata della Trasparenza”, organizzata dall’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale, ha fatto il punto sugli strumenti a disposizione della Giustizia per evitare il rischio di infiltrazioni mafiose sui fondi Pnrr e sulle grandi opere pubbliche

BarSicilia

A Bar Sicilia l’assessore regionale Scarpinato: “Ecco il nostro Turismo 4.0” CLICCA PER IL VIDEO

E’ Francesco Scarpinato, l’ospite della puntata numero 217 di Bar Sicilia. L’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo ha parlato del futuro della Sicilia e dei progetti legati al settore che è considerato il volano dell’economia dell’Isola. A intervistarlo, come sempre, il direttore Marianna Grillo e l’editore Maurizio Scaglione. Scarpinato raccoglie un’eredità importante lasciata dall’ex…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.