Condividi

Riecco l’Ingroia di Azione Civile: “Dopo il No, ci vuole una riscossa costituzionale”

lunedì 12 Dicembre 2016

Antonio Ingroia, confermato all’unanimità presidente del movimento da lui fondato, Azione Civile, ha chiesto coesione per la costruzione di un fronte nazionale popolare all’indomani della vittoria del No al referendum costituzionale.

La vittoria del No al referendum ha rappresentato una tappa fondamentale, ora però la stagione della resistenza costituzionale deve trasformarsi nella stagione della riscossa costituzionale per l’attuazione della Costituzione – ha detto – chiedo perciò a tutti i cittadini democratici, con o senza una tessera di partito, agli aderenti e ai sostenitori del M5S, di unirsi per costruire un fronte nazionale popolare, democratico e unitario, che abbia come obiettivo la piena attuazione della Costituzione“. Siamo al termine della quarta assemblea nazionale di Azione Civile, dove sono intervenuti anche il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e il coordinatore nazionale di Sel Nicola Fratoianni. “L’esito politico di questo No – ha detto quest’ultimo – è tutto da giocare. Io credo che, pur con le differenze che ci sono, sia il tempo di provare a immaginare la costruzione di una proposta di alternativa per questo Paese che abbia innanzitutto nella natura costituzionale, nella idea di applicare una Costituzione che è stata lungamente tradita, il suo cuore pulsante“. Entusiasta anche Emiliano.”Io sono straordinariamente interessato all’idea, che mi pare geniale, di costituire per la prima volta una unione di intenti, da parte di forze politiche anche diverse, per un serio programma di attuazione della Costituzione partecipato dal basso afferma – perché la Costituzione sia rispettata fino in fondo e per difenderla ancora, visto che ora l’ex premier Renzi riparte pensando di ricandidarsi per cambiarla di nuovo, come ha comunicato oggi con una lettera ‘notturna’”.

Nell’ultima giornata di lavori Ingroia ha anche detto di pensare “A un fronte politico democratico, popolare, completamente nuovo, orizzontale, composto da cittadini, con o senza tessera in tasca, ma bisogna stare attenti: come ha detto anche Emiliano, occorre continuare a resistere perché Renzi e i suoi proveranno a rilanciare il loro progetto di smantellamento della Costituzione – e conclude – Per questo chiedo di convocare già adesso, tra fine febbraio e inizio marzo, gli Stati Generali per l’Attuazione della Costituzione“.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.