Condividi
Le indiscrezioni

Sanità, manager da nominare: pronti due elenchi (e qualche ricorso)

venerdì 4 Agosto 2023
Regione Siciliana

Una selezione a due velocità, da una parte un elenco di una cinquantina di idonei, dall’altra un secondo file che contiene 40 “big” che non rientrano nell’hit parade dei “maggiormente idonei”. L’argomento, manco a dirlo, è quello degli aspiranti manager della sanità siciliana.

Oltre 100 candidati, una parte dei quali concorreranno per il traguardo finale, la gestione dei vertici della sanità nei territori siciliani.

 

Ecco il documento che riassume gli ammessi di prima fascia: DOC-20230804-WA0005.

Tra i “maggiormente idonei” e il secondo gruppo, “balla la possibilità di un bel pò di potenziali ricorsi” dal momento che il bando non faceva riferimento a questa bipartizione funzionale alle scelte.

Questa la storia degli ultimi mesi sul dossier “scottante” delle nomine.

In Sicilia sono commissariate tutte le nove aziende sanitarie provinciali, ma due hanno ancora al proprio vertice un direttore generale.

Invece delle diciassette aziende ospedaliere o sanitarie commissariate sono quindici.

In sei strutture i commissari sono stati nominati con provvedimenti specifici tra il 2020 e il 2022, mentre le altre avevano una gestione ordinaria o con un direttore generale nominato nel 2019 per decreto del presidente della regione Nello Musumeci.

Nonostante il cambio di guardia al Governo regionale, avvenuto a settembre del 2022, con nuova giunta guidata da Renato Schifani, l’avviso pubblico per la selezione dei nuovi direttori generali è stato pubblicato il 29 dicembre. I direttori, nonostante andassero in scadenza il 31 dicembre, sono ad oggi ancora in carica con un commissariamento temporaneo, in attesa alla nuova nomina.

Quindi, la direzione dovrebbe cambiare, oltre che per le Asp anche per le Arnas Garibaldi (Catania) e Civico Di Cristina (Palermo), per le tre aziende ospedaliere Villa Sofia-Cervello (Palermo), il Papardo (Messina) e il Cannizzaro (Catania), i tre Policlinici (Palermo, Catania e Messina) e l’Irccs Bonino Puleio di Messina.

L’assegnazione ai candidati alle strutture, dovrebbe in teoria basarsi, oltre che per la selezione, anche alle caratteristiche dell’incarico da ricoprire. Per quanto riguarda i tre Policlinici universitari, scatta un passaggio in più, ossia l’intesa con i rispettivi rettori.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, Settecannoli e riqualificazione della Costa Sud: tra speranze, progetti, degrado e impegno civico CLICCA PER IL VIDEO

Nuova tappa del viaggio de ilSicilia.it tra i quartieri di Palermo alla rubrica “La città chiama…”. Questa volta è il turno di Settecannoli, nella seconda circoscrizione, in cui ricade il lungomare della Costa Sud di Palermo. L’intervista a Sergio Oliva.

BarSicilia

Bar Sicilia, Cracolici: “La mafia ha scelto forme diverse per infiltrarsi nei territori”

Nel nome di Falcone, di Borsellino e dei simboli dell’Antimafia che hanno saputo essere esempio e testimonianza, Cracolici riassume l’attività svolta dal suo insediamento alla guida della commissione sino a oggi

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.