Condividi
L'indagine

Sciacca (AG), truffa a fondi pubblici con fatture gonfiate: sequestrati beni per 760mila euro

venerdì 23 Febbraio 2024

Beni per 760mila euro sono stati sequestrati da militari della Guardia di Finanza del comando provinciale di Agrigento nei confronti di tre imprenditori Saccensi e di altrettante società da loro amministrate nell’ambito di un’indagine su presunte fatture ‘gonfiate’. Il provvedimento è stato emesso dal gip di Sciacca su richiesta del Procuratore europeo delegato di Palermo.

Al centro dell’inchiesta il rendiconto delle spese sostenute per la realizzazione di due opifici da un’azienda attiva nella produzione di olio d’oliva, secondo un progetto d’investimento ammesso a beneficiare di un contributo a fondo perduto pari al 50% dell’importo complessivo, nell’ambito dei fondi stanziati da Unione Europea, Stato e Regione per la trasformazione, commercializzazione e sviluppo dei prodotti agricoli. Accertamenti sono stati eseguiti su un contratto di appalto stipulato dalla società beneficiaria del contributo e un’impresa di costruzioni riconducibile a prossimi congiunti dell’amministratore.

L’accordo si sostanziava nella fatturazione, in acconto e a stato di avanzamento lavori, di opere edili solo in minima parte e per un brevissimo periodo dirette e realizzate dalla società appaltatrice con propri mezzi e maestranze. A quest’ultima è contestata l’emissione di fatture con l’indicazione di costi artatamente gonfiati, se non in alcuni casi totalmente inesistenti, al solo fine di far aumentare l’importo complessivo dell’investimento, dice la Gdf. In particolare, l’accusa ritiene che 260.000 euro, così fuoriusciti dalle casse della società appaltante, siano stati utilizzati per il saldo di pendenze debitorie a carico di un’altra impresa riconducibile agli indagati, per evitarne l’escussione del patrimonio personale.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Giovani fuorviati dal crack, crea una barriera insormontabile” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista de ilSicilia.it a Franco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. Il ricordo del figlio, l’impegno quotidiano per sensibilizzare sul tema delle droghe nelle scuole, l’importanza di strutture sul territorio come la “Casa di Giulio” e il centro di pronta accoglienza…

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.