Condividi

Siamo tutti rifugiati. Papa Francesco e Leoluca Orlando uniti per i migranti

venerdì 9 Dicembre 2016
Papa Francesco a Lampedusa (foto Petyx)

Siamo tutti migranti. Dalle spiaggie della Sicilia alle aule dei Tribunali, dalle pagine di cronaca alle analisi geopolitiche, il tema di chi scappa dalla guerra e dalla fame e cerca di raggiungere le sponde dell’Europa è lì, fisso, immobile, placido, come le onde del Canale di Sicilia nelle giornate di bonaccia, ultimo valico liquido dei viaggi della speranza.

Anche Papa Francesco torna a parlarne. Lo ha fatto questa mattina, incontrando una delegazione della Chiesa maltese. Il Santo Padre ha ricordato come “l’esperienza dolorosa di questi fratelli e sorelle, rivediamo quella del bambino Gesù, che al momento della nascita non trovò alloggio e venne alla luce nella grotta di  Betlemme; e poi fu portato in Egitto per sfuggire alla minaccia di Erode. Quanti visiteranno questo  presepio saranno invitati a riscoprirne il valore simbolico, che è un messaggio di fraternità, di  condivisione, di accoglienza e di solidarietà”. Amen.

Strane coincidenze rimbalzano oggi dai terminali delle agenzie di stampa. A fare da eco alle parole del Papa, oggi si registra l’ennesima presa di posizione del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.  A Roma, per un convegno dei primi cittadini“A Palermo non abbiamo migranti: chiunque arriva a Palermo, per una decisione del sindaco, diviene palermitano e solo ‘ex’ migrante. Spero un giorno di essere arrestato perché proteggo un clandestino“.

Leoluca Orlando

Intervenendo al convegno dei sindaci in Vaticano sul tema dei rifugiati, Orlando ha aggiunto:  “I migranti stanno dando un volto umano alla globalizzazione. Più che di radici cristiane in Europa, occorrerebbe ricordare le origini migranti“. Dalle tesi ai fatti. Continuano le attività di magistrati e investigatori che senza sosta tentano di mettere un argine al “trafficking” di esseri umani.

A Catania è stato fermato  su ordine della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania  il presunto scafista dello sbarco di 91 migranti giunti nel porto etneo il 6 dicembre scorso su nave Oreste Corsi della Guardia Costiera.  In manette è finito’ il senegalese Ndjai Babouka, di 30 anni, indagato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Sarebbe stato lui a condurre una barchetta di legno di colore blu con a bordo 28 migranti, poi soccorsi in acque internazionali dalla nave commerciale “Hamal”.  Ed è appena  di ieri la notizia dell’ennesimo “rescue” di fronte alle coste della Libia, con la Guardia Costiera che in due diverse operazioni ha tratto in salvo  86 migranti. A bordo di due piccole barche, i migranti sono stati recuperati dalla nave Driade della Marina Militare italiana e da unmercantile, per poi essere  trasferiti a bordo della nave Diciotti della Guardia Costiera.

migranti-nave-augusta-241-300x225

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Rita Barbera: “La sicurezza nasce dal rispetto” CLICCA PER IL VIDEO

IlSicilia.it ha intervistato Rita Barbera, per anni direttrice di istituti penitenziari, in prima linea e “sul campo” in tema di amministrazione carceraria. Con lei abbiamo analizzato il decreto “Carcere sicuro”, recentemente approvato dal Governo nazionale.

BarSicilia

Bar Sicilia, estate tutta da vivere a Giardini Naxos: turismo, eventi, cultura, arte CLICCA PER IL VIDEO

Con gli assessori comunali di Giardini Naxos Fulvia Toscano e Ferdinando Croce scopriamo sorprese ed eventi di un’estate da boom di turisti

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.