Condividi

Sicilia Seafood, il progetto della Regione per valorizzare i prodotti locali | VIDEO

martedì 3 Luglio 2018

Chiudere la filiera del pesce in Sicilia – sia quello fresco che allevato, sia quello considerato ricco che quello povero – da chi lo produce, a chi lo trasforma a chi lo commercializza. E’ questo l’obiettivo di Sicilia Seafood, il progetto lanciato dall’Assessorato all’agricoltura e dal Dipartimento della pesca mediterranea della Regione Siciliana, che è stato oggetto del convegno tenutosi stamani presso la Sala Gialla di Palazzo dei Normanni a Palermo. Un patrimonio di risorse ittiche, ma anche di cultura, storia e tradizioni tutto da sfruttare, al contrario di quanto avviene ancora oggi.

“Il cambio di rotta – dichiara Dario Cartabellotta, direttore del Dipartimento pesca – grazie all’Unione europea che è passata dalla rottamazione alla valorizzazione antropologica del settore già è stato il primo passaggio. Quindi non diamo più soldi ai pescatori per rottamare le barche ma per modernizzarle. Sono in corso di pubblicazione due bandi, uno per le reti selettive, quindi per la sostenibilità ambientale, e l’altro per costruire la filiera del prodotto tipico all’interno della barca. Pensate che all’interno di una famiglia è possibile prelevare il pesce, trasformarlo e portarlo al mercato”.

Gioacchino Fazio itw“Se a livello nazionale importiamo circa otto volte di quello che esportiamo in termini di valore – spiega Gioacchino Fazio, docente di economia dell’Università di Palermo in Sicilia questo dato è dimezzato, vuol dire che noi importiamo quattro volte di quello che esportiamo. Però è anche vero che il dato più interessante per la Sicilia è quello sulla trasformazione, nel senso che la maggior parte delle nostre importazioni, più del 90%, riguarda dei prodotti trasformati. Quindi diventa importante oggi guardare alla domanda di questi prodotti in cui la Sicilia risulta eccellente a livello mondiale per competenze, per saperi, per qualità delle produzioni, ha una domanda interna molto sviluppata che non riesce ad essere coperta internamente. Anche perché quasi tutte le nostre produzioni di trasformazioni vanno all’estero. Indicatore, quest’ultimo, del fatto che sono produzioni di qualità”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, blitz contro clan dei Cursoti milanesi: ordinanza per 24 persone CLICCA PER IL VIDEO

L’operazione antimafia denominata “Zeus” è stata eseguita la notte scorsa dalla polizia di Catania contro 24 presunti appartenenti al clan dei Cursoti milanesi. L’inchiesta, coordinata dalla locale Direzione distrettuale antimafia, ipotizza, a vario titolo, i reati di associazione mafiosa, estorsione, traffico di cocaina e marijuana, porto e detenzione di armi da fuoco, spaccio di sostanze…

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.