Condividi

Situazione drammatica e Pronto Soccorso tra violenza e carenza di personale: le richieste e soluzioni all’evento di Villa Magnisi CLICCA PER IL VIDEO

martedì 12 Luglio 2022

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Pronto soccorso tra violenza e carenza di personale è il tema dell’evento svolto a Villa Magnisi, sede dell’Ordine dei medici di Palermo, organizzato dalla segreteria regionale CIMO (Confederazione Italiana Medici Ospedalieri) e della Federazione CIMO-FESMAED (Federazione Sindacale Medici Dirigenti) della Sicilia.

L’evento dal titolo “La situazione drammatica dei Pronto Soccorso siciliani. Analisi dei problemi e proposte per risolverli” ha visto come partecipanti il presidente regionale della Federazione CIMO-FESMED Riccardo Spampinato, il segretario regionale CIMO Giuseppe Bonsignore, il presidente dell’Ordine dei medici di Palermo, consigliere della Federazione nazionale Fnomceo Toti Amato e l’assessore alla Salute Ruggero Razza.

È un fenomeno che abbiamo cercato di contenere con le guardie giurate, con i turni, con la separazione dell’area di triage dell’attesa, ma evidentemente di fronte all’indecenza l’unica risposta è quella della giustizia“, afferma Razza.

Per quanto riguarda il personale: “L’auspicio è che il contratto collettivo – prosegue l’assessore – che consente di incentivare economicamente chi lavora al pronto soccorso, venga reso subito operativo“.

Quello che preoccupa quindi è la violenza che consegue alla disorganizzazione. Violenza non soltanto verbale ma anche fisica, arrivando a scontri diretti con i medici: “Quello che ci preoccupa è l’argomento violenza – sostiene Amato. Le soluzioni vanno ricercate ad ampio raggio: la prima è un fatto educativo, le persone che si rivolgono al pronto soccorso talvolta reputano di avere esigenze prioritarie rispetto agli altri. Il personale che lavora sotto stress non può seguire tutto e quando si è stanchi la comunicazione non può avvenire“.

Sono necessarie quindi “pene severe”, secondo il presidente dell’Omceo palermitano, per chi compie atti incivili contro strutture e personale sanitario. Questo però non avviene soltanto per un problema del sistema territoriale, ma è un fenomeno diffuso a livello internazionale segno che “la sacralità della figura del medico è finita“. “La paura di andare a lavorare senza sapere se si torna a casa sani è una cosa che deve cessare immediatamente, ci vuole uno scatto d’orgoglio dei nostri decisori “, conclude il presidente.

Vogliamo ragionare su come migliorare i Pronto Soccorso” ha spiegato Riccardo Spampinato. “In Sicilia c’è solo il 53% dei medici in servizio rispetto alle piante organiche previste. Significa che sui 786 previsti ce ne sono 414. Questo è già un segno di criticità enorme. Inutile fare i Pronto Soccorso con cinque sale visite se poi c’è un solo medico. Questo comporta lunghe attese nella zona di filtro nel triage. Il paziente che arriva, siccome è convinto di essere lui il centro del mondo, ad un certo punto vuole una risposta che arriva, non filtrata, dopo 2-3 ore e a quel punto sfoga tutta la sua rabbia e l’instabilità sociale. Non c’è il rispetto del camice, della divisa e dell’insegnante, non siamo più abituati ad aspettare e la logica soggiace all’attesa.  Non sapendo con chi prendersela se la prendono col medico del Pronto Soccorso, questo non è più accettabile”.

Noi chiediamo una vigilanza attiva che garantisca la serenità di lavoro agli operatori sanitari – ha aggiunto Spampinato -. Ma soprattutto una legge nazionale che consenta ai giovani di entrare nei Pronto Soccorso non con i contrattini a tre-sei mesi ma a tempo indeterminato. Serve un incentivo perché non vedo come un giovane dovrebbe scegliere il pronto soccorso a parità di stipendio: serve un’indennità di funzione. Quella del medico al Pronto Soccorso è un’attività sociale”.

A finire il discorso è Bonsignore: “Le aggressioni sono all’ordine del giorno, ne capita almeno una a settimana. È da anni che chiediamo una soluzione. Questo dà anche la spiegazione alla fuga dei medici dal pronto soccorso. Serve il personale, i medici sono poco più della metà di quelli che occorrerebbero. La situazione è drammatica, chiediamo di intervenire al più presto”.

 

 

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.