Condividi

Sole Luna Doc Film Festival: la XV edizione “raddoppiata”, dal vivo e on-line

giovedì 4 Giugno 2020
Sole Luna Doc fest 2020

In una versione inedita ma dal vivo, oltre che on-line, il Sole Luna Doc Film Festival, la rassegna internazionale di cinema documentario, si farà  in presenza ed online grazie alla collaborazione di registi e case di produzione.

La rassegna internazionale del documentario ideata da Lucia Gotti Venturato, alla sua XV edizione, conferma le date già annunciate, dal 6 al 12 luglio, e raddoppia l’offerta affiancando al Festival dal vivo, calibrato assicurando il distanziamento e le misure di sicurezza, le proiezioni online dei film in concorso.

Il Sole Luna Doc Fest, come da prassi, si svolgerà al complesso storico-architettonico di Santa Maria dello Spasimo di Palermo e sarà, di fatto, la prima rassegna cinematografica internazionale “in presenza” dell’estate italiana.

Allo Spasimo saranno allestite due sale di proiezione con posti a sedere distanziati di un metro l’uno dall’altro e dunque dimezzati nel numero rispetto alle scorse edizioni.

Sole Luna Doc Fest 2020

Per allargare la platea e offrire al proprio pubblico la possibilità di assistere comunque ai documentari, il festival, offrirà la visione dei film in concorso anche online sul sito www.solelunadoc.org al pubblico di tutt’Italia.

Quaranta le proposte cinematografiche in programma, di cui venticinque film in concorso tra lungometraggi e corti su tematiche legate ai diritti umani, ai processi migratori, a situazioni di sfruttamento umano e ambientale, a fenomeni di discriminazione, a esperienze fondate su progetti di solidarietà sia tra individui, comunità, gruppi, sia in rapporto al territorio, al dialogo interreligioso e interculturale.

La giuria internazionale 2020 sarà composta da Jacopo Quadri, montatore, Gabrielle Brady, regista australiana vincitrice del primo premio assoluto al Sole Luna Doc Film Festival 2019, Alessia Cervini docente di Teorie del cinema e Teorie e Tecniche del montaggio nell’Università degli Studi di Palermo, Andrea Inzerillo presidente del Sicilia Queer Film Festival e Keja Ho Kramer, artista e fotografa, figlia del regista e sceneggiatore statunitense Robert Kramer.

Proprio a Kramer, tra gli autori più sensibili ai cambiamenti che hanno preso forma a partire dagli anni Settanta del Novecento e al suo impegno politico contro la guerra, i fascismi e la condizione degli esuli, la 15esima edizione di Sole Luna Festival riserverà un omaggio speciale con una preziosa retrospettiva di alcuni suoi film.

Come ogni anno, oltre alla giuria internazionale, a scegliere i film vincitori saranno anche la “Giuria degli studenti“, composta da studenti delle scuole superiori e la giuria “Nuovi italiani” composta da giovani stranieri impegnati in percorsi di studio, inserimento e attivismo sociale.

Entrambe le giurie per tutto il periodo di lockdown hanno continuato a lavorare da remoto.

Ci siamo interrogati a lungo su quale fosse la scelta migliore da prendere – dice la presidente e fondatrice del Festival, Lucia Gotti Venturato – È chiaro che ci troviamo in una situazione in continuo divenire ma riteniamo che oggi più che mai occorra dare prova di resilienza“.

All’interno dello Spasimo saranno messe in pratica varie misure per garantire lo svolgimento e la fruizione del Festival in sicurezza: misurazione della temperatura, dispenser con gel disinfettante all’ingresso e la sanificazione ogni due ore di luoghi, attrezzature, sedie, toilette e tavoli di accoglienza. Obbligatorio, inoltre, l’uso delle mascherine.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia: “C’era una volta la Dc”, Calogero Mannino ed Elio Sanfilippo riavvolgono il nastro della storia CLICCA PER IL VIDEO

Un’Italia malconcia e acciaccata venne rimessa in piedi a forza di acqua santiere e ricostituenti specifici, mentre pattinando sui dubbi degli italiani la Democrazia cristiana fu capace di dispensare certezze quotidiane, a volte di breve respiro, ma di grande efficacia e di sicuro impatto divulgativo

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.