Condividi

Svelati tre omicidi di mafia. Fondamentali le rivelazioni di due pentiti

martedì 29 Novembre 2016
omicidi

I carabinieri e la Procura di Palermo fanno luce su due omicidi di mafia avvenuti nel palermitano nel 1999 e nel 2000. I militari del Nucleo investigativo di Palermo hanno eseguito il provvedimento di fermo per quattro persone ritenute appartenenti, in qualità di capi e gregari, alla famiglia mafiosa di Carini. I provvedimenti emessi dalla Procura di Palermo, hanno raggiunto Giovan Battista Pipitone, 67 anni, Salvatore Cataldo, 67 anni, e Antonino Di Maggio, 62 anni. Risulta, invece, ricercato Ferdinando Gallina, 39 anni. Per gli investigatori sono responsabili degli omicidi di Antonino Failla e Giuseppe Mazzamuto, uccisi a Carini, nel palermitano, con il metodo della lupara bianca il 26 aprile del 1999 e di Francesco Giambanco, freddato sempre a Carini il 16 dicembre del 2000.

4Alla svolta nelle indagini hanno contribuito le dichiarazioni del neo collaboratore di giustizia Antonino Pipitone, uomo d’onore della famiglia di Carini, e quelle datate 2008 del pentito Gaspare Pulizzi. I militari, coordinati dal procuratore aggiunto Vittorio Teresi e dai sostituti Annamaria Picozzi, Amelia Luise e Roberto Tartaglia, sono riusciti così a ricostruire i delitti e i ruoli di ciascuno dei fermati negli omicidi. Failla e Mazzamuto, ritenuti responsabili di un incendio, furono attirati in una trappola da Pipitone, Di Maggio e Cataldo, che dopo averli fatti giungere in un’abitazione li uccisero. Failla fu ammazzato a colpi di accetta, mentre Mazzamuto con un colpo d’arma da fuoco. I loro cadaveri non sono stati mai ritrovati.Francesco Giambanco, invece, fu ucciso a colpi di bastone da Ferdinando Gallina, insieme con Antonino Pipitone, Gaspare Pulizzi e Giovanni Cataldo (deceduto).

Il cadavere fu poi nascosto nel bagagliaio di un’auto che venne dato alle fiamme. L’ordine di ucciderlo fu dato dal capo della famiglia mafiosa di Carini, Giovan Battista Pipitone, e dal fratello Vincenzo, che ritenevano Giambanco responsabile della scomparsa di Federico Davì e di alcuni incendi a Carini.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

A Bar Sicilia l’assessore regionale Scarpinato: “Ecco il nostro Turismo 4.0” CLICCA PER IL VIDEO

E’ Francesco Scarpinato, l’ospite della puntata numero 217 di Bar Sicilia. L’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo ha parlato del futuro della Sicilia e dei progetti legati al settore che è considerato il volano dell’economia dell’Isola. A intervistarlo, come sempre, il direttore Marianna Grillo e l’editore Maurizio Scaglione. Scarpinato raccoglie un’eredità importante lasciata dall’ex…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.