Condividi
La dichiarazione

Svuota-carceri, il garante dei detenuti Apprendi: “Un decreto bluff”

sabato 6 Luglio 2024
pino-apprendi
Pino Apprendi

“A fronte della esplosiva situazione delle carceri italiane, dove ormai i suicidi, i tentativi di suicidio e gli atti di autolesionismo sono all’ordine del giorno e dove tutta la pesantezza della situazione carceraria si scarica in uno scontro fra il detenuto e l’agente di Polizia Penitenziaria, il governo ancora una volta fa grandi annunci che non avranno nessun effetto migliorativo né per i detenuti né per la Polizia Penitenziaria”, così dichiara in una nota, Pino Apprendi, garante dei detenuti di Palermo, in merito al Decreto “Svuota-carceri”, che è stato approvato dal Governo pochi giorni fa.

“Brindano alle 1000 assunzioni di poliziotti, 500 nel 2025 e 500 nel 2026, che non riusciranno nemmeno a coprire le unità che andranno in pensione.
Una risposta decente si poteva quantificare in un aumento dell’organico in 2 anni di 5000 unita’. Sulla formazione degli stessi , la risposta è il manganello e la difesa personale e la costituzione di un nucleo anti-rivolta”, continua il garante dei detenuti.

“Ma il problema Polizia Penitenziaria è solo uno dei problemi. Nessun investimento e’ previsto sulle figure professionali dei psicologi, degli assistenti sociali, degli educatori, dei mediatori culturali. Sulla sanità silenzio, sulle strutture alternative al carcere silenzio, sulla formazione silenzio, sul lavoro silenzio.Basta!”, aggiunge Pino Apprendi.

Il garante dei detenuti di Palermo inoltre dichiara che “Un sindacato della Polizia ha detto che c’è atmosfera di carcere sudamericano, se lo avessimo detto noi saremmo stati additati come degli incendiari. Bisogna dare ascolto a chi nel carcere ci vive e ascolta anche nell’intimità . Non possiamo far finta di nulla. Ben 52 suicidi , il doppio dello scorso anno fra i detenuti e 5 suicidi fra gli agenti della Polizia Penitenziaria. Andiamo incontro all’estate e il caldo , in carcere è insopportabile quanto il freddo”.

“Non staremo a guardare. Proponiamo un sit in con una maratona oratoria davanti al tribunale di Palermo”, conclude Apprendi.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.