Condividi

Un anno di carcere per l’ex rettore dell’ateneo di Catania: avrebbe inviato una mail elettorale

martedì 23 Gennaio 2018

Un anno di reclusione per l’ex rettore di Catania, Antonino Recca, otto mesi per un dipendente dell’ateneo, Nino Di Maria, pene sospese, e l’assoluzione del responsabile della struttura informatica, Enrico Commise.

E’ la sentenza della seconda sezione penale del Tribunale etneo del processo sull’invio di una mail elettorale a sostegno di una candidata nel 2012 dell’Udc all’Ars, che si è poi ritirata, utilizzando una lista di posta elettronica e il server dell’università. I giudici hanno assolto Recca e Di Maria dall’accusa di induzione a rendere dichiarazioni mendaci e configurato soltanto il reato di uso di dati segreti a fini non patrimoniali. L’ex rettore è stato condannato anche a un risarcimento di 20 mila euro nei confronti dell’università, che si era costituita parte civile e ne aveva chiesto 100mila.

Le posizioni della candidata, Maria Elena Grassi, moglie di Di Maria, e di suo figlio Daniele Di Maria sono state stralciate dall’inchiesta della Procura e archiviate.

Gli avvocati Guido Ziccone e Tommaso Tamburino hanno sottolineato che nei confronti di Recca “è venuta meno la contestazione più grave e la condanna riguarda un reato minore contestato nella forma più attenuata” e hanno annunciato ricorso contro la sentenza. Ricorso sarà presentato anche dall’avvocato Walter Rapisarda per Di Maria, al quale sono state riconosciute le attenuanti generiche. Soddisfatto per l’assoluzione del suo assistito, Enrico Commise, l’avvocato Goffredo D’Antona.

Le indagini sono state eseguite dalla polizia postale. Il reato ipotizzato per tutti era di rivelazione di segreto d’ufficio per avere utilizzato “gli elenchi di indirizzi email di iscritti all’ateneo, destinati a rimanere segreti, al fine di favorire la campagna elettorale di Maria Elena Grassi, candidata alle elezioni indette per il rinnovo dell’Assemblea regionale Siciliana per l’anno 2012”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, parla il Prefetto Cucinotta: “Tuteleremo fondi Pnrr da infiltrazioni mafiose. E’ un problema nostro” CLICCA PER IL VIDEO

Il Prefetto di Palermo Maria Teresa Cucinotta intervistata a margine dell’iniziativa “Giornata della Trasparenza”, organizzata dall’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale, ha fatto il punto sugli strumenti a disposizione della Giustizia per evitare il rischio di infiltrazioni mafiose sui fondi Pnrr e sulle grandi opere pubbliche

BarSicilia

A Bar Sicilia l’assessore regionale Scarpinato: “Ecco il nostro Turismo 4.0” CLICCA PER IL VIDEO

E’ Francesco Scarpinato, l’ospite della puntata numero 217 di Bar Sicilia. L’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo ha parlato del futuro della Sicilia e dei progetti legati al settore che è considerato il volano dell’economia dell’Isola. A intervistarlo, come sempre, il direttore Marianna Grillo e l’editore Maurizio Scaglione. Scarpinato raccoglie un’eredità importante lasciata dall’ex…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.