Condividi
La dichiarazione

Urso: “In Sicilia sono previsti tre grandi poli per la rinascita industriale”

martedì 28 Maggio 2024

Siamo impegnati nella realizzazione di tre importanti poli per la rinascita industriale della Sicilia“. Lo ha detto il ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso, a margine della firma, tenutosi ieri al teatro Massimo di Palermo, dell’accordo Fsc tra governo nazionale e Regione Siciliana.

Stiamo costruendo nell’Etna Valley, a similitudine della Silicon Valley, il più grande polo di tecnologia green e tecnologia digitale dell’Europa mediterranea, anche grazie agli ulteriori investimenti di StMicroelectronic che verosimilmente saremo in condizione di annunciare nei prossimi giorni – ha detto Urso – Nel contempo, siamo impegnati in altri due poli industriali in Sicilia dove, credo, ci possano e ci debbano essere tre grandi poli industriali: quello dell’Etna Valley, quello del polo chimico green, tra Gela e Priolo, e quello Blutec di Termini Imerese. Tre importanti e significativi poli industriali di rinascita del sistema produttivo siciliano nell’ottica della duplice transizione energetica e digitale“.

L’assegnazione è avvenuta su una procedura che era ferma da diversi anni, mi auguro che il Tar dia ragione al ministero. Noi abbiamo operato al meglio, in piena trasparenza e siamo assolutamente certi che tutte le procedure sono state regolari. Poi il Tar si esprimerà come ritengono i giudici amministrativi. Abbiamo la coscienza a posto, abbiamo fatto tutto al meglio, nell’interesse generale e nell’interesse dei lavoratori che, finalmente dopo 12 anni di cassa integrazione, che non può più esser prorogata perché l’azienda altrimenti verrebbe messa in liquidazione, abbiamo consentito loro di poter tornare a lavorare in un grande progetto di rinascita industriale dell’area“.

Alla domanda dei giornalisti su cosa accadrebbe se il Tar dovesse accogliere il ricorso dell’impresa che è stata esclusa dal bando del ministero, ha replicato: “Io guardo sempre alle migliori ipotesi. Come avete visto in ogni caso siamo pronti essendo un governo che ha una visione strategica. E credo che questa visione strategica possa trovare piena efficacia proprio in Sicilia“.

Il ministro ha poi fatto riferimento all’ex stabilimento Fiat di Termini Imerese, “un sito interessante, perché ha ancora una struttura per produrre auto. Case automobilistiche cinesi, ma non solo, stanno visitando diversi siti produttivi del nostro paese perché ritengono che l’Italia possa essere particolarmente attrattiva per realizzare modelli innovativi nel settore delle auto e dei veicoli commerciali. Certamente siamo attrattivi perché abbiamo un mercato interno da colmare, perché abbiamo una filiera della componentistica straordinaria, perché vi è un ecosistema di università, centri di ricerca e di design che ha fatto nel tempo dell’auto italiana un modello nel mondo“, ha concluso.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Europee, la diretta in studio: analisi, ospiti e commenti CLICCA PER IL VIDEO

Dagli studi de ilSicilia.it le prime riflessioni sulle elezioni europee

BarSicilia

Bar Sicilia dal ‘Vittorio Morace’ di Liberty Lines, Cotella: “Ecco il primo ibrido al mondo”

I lettori de ilSicilia.it possono godersi in quest’anteprima le novità dell’imbarcazione chiamata a collegare i mari e i viaggiatori di Sicilia, in particolare tra Trapani e le Egadi

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.