Condividi

Vertenza Almaviva: a rischio 1600 lavoratori

mercoledì 31 Luglio 2019
almaviva

Il tavolo istituzionale tenutosi al ministero del Lavoro riguardo il futuro dei lavoratori della sede di Palermo del call center Almaviva Contactè stato solo un incontro interlocutorio, ci siamo dati appuntamento alla prima settimana di settembre per riaggiornarci“.

Così il segretario nazionale della Uilcom, Pier Paolo Mischi, al termine della riunione, segnalando quindi che per i 1.600 lavoratori a rischio esubero (sui circa 3.000/3.500 della sede di Palermo) non ci sono al momento grandi novità.

Invitiamo i committenti a riflettere in maniera fattiva e a trovare soluzioni per evitare l’apertura di procedure formali“, ha continuato Mischi. E tornando in generale al settore dei call center e alle sue problematiche, il sindacalista ha aggiunto “credo sia giusto che il ministro Di Maio sia nelle condizioni di darci delle risposte – visto che in questo settore mancano ormai da tempo – nessuna risposta è, infatti, ancora arrivata sul reshoring, così come sul rispetto delle tariffe minime e sul costo del lavoro. Chiediamo risposte certe“.

Incremento del lavoro, riduzione degli ammortizzatori sociali e riordino del settore dei call center”. Queste le proposte della UilCom Sicilia, guidata da Giuseppe Tumminia, all’incontro al ministero del Lavoro sulla vertenza Almaviva e sul licenziamento di 1.600 lavoratori della sede palermitana.

Anche oggi il nostro giudizio è negativo – afferma il sindacalista – Siamo consapevoli che non ci sono soluzioni immediate e che i tempi sono stretti, ci aspettavamo che il governo nazionale garantisse però la non apertura delle procedure di licenziamento attraverso un rapporto trasparente con i committenti Tim e Wind, di cui non abbiamo notizie“.

Ancora una volta registriamo un nulla di fatto. Di Maio anche questa volta non ha partecipato al tavolo e non è stata individuata una soluzione per scongiurare a fine settembre le procedure di licenziamento per 1.600 persone“. Lo dichiara il segretario generale Slc Cgil Palermo, Maurizio Rosso, a conclusione del tavolo al Mise.

Rosso ha invitato i dirigenti del ministero a chiedere formalmente al ministro Di Maio di bloccare i licenziamenti. “Si fermi questa gara al massacro, licenziare è da irresponsabili, non possono essere sempre i lavoratori a pagare. Ognuno si faccia carico delle proprie responsabilità“.

Al tavolo – aggiunge Rosso – i rappresentanti del Mise hanno chiesto all’azienda di rimandare le procedure di licenziamento e di proseguire con gli ammortizzatori sociali. Ma Almaviva sostiene che non è più possibile continuare con gli ammortizzatori. Questo governo non riesce a capire quale è il vero problema del Mezzogiorno. Serve un impegno concreto per creare occupazione non le mance degli ammortizzatori sociali“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Relazione Antimafia regionale all’Ars, Cracolici: “L’obiettivo è far sentire il fiato sul collo a Cosa Nostra” CLICCA PER IL VIDEO

Il presidente della commissione Antimafia siciliana, Antonello Cracolici, ha presentato all’Ars la relazione sull’attività della commissione a un anno dal suo insediamento

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.