Condividi

Almaviva Palermo: tre tavoli per scongiurare la bad company

giovedì 26 Aprile 2018
Almaviva

E’ stato tracciato oggi presso l’Assessorato al lavoro della Regione Siciliana il percorso istituzionale per scongiurare lo scorporamento del call center di Palermo del gruppo Almaviva e il suo passaggio di proprietà ad una società creata ad hoc, controllata sempre da Almaviva Contact. Un’operazione che sindacati e lavoratori vedono come il tentativo non troppo celato da parte dell’azienda di creare una bad company per abbandonare Palermo al suo destino.

L’azienda due giorni fa ha confermato le proprie intenzioni di voler procedere alla societarizzazione, ma è disposta a valutare altre alternative. All’incontro hanno preso parte il dirigente generale del Dipartimento Lavoro, Francesca Garoffolo, l’assessore comunale Giovanna Marano, i rappresentati dell’azienda e quelli delle organizzazioni sindacali. Tutti hanno concordato sulla possibilità di istituire tre tavoli di confronto al fine di creare le condizioni per migliorare la situazione occupazionale e la produttività del sito palermitano. Il prossimo incontro si terrà ai primi di maggio, subito dopo l’approvazione della finanziaria da parte dell’Ars.

Il primo tavolo, che è anche quello considerato strategico, riguarda principalmente le commesse. In particolare è stato chiesto all’azienda di conoscere i dettagli delle commesse attualmente lavorate a Palermo. Secondo le organizzazioni sindacali, infatti, i costi sono inferiori a quelli minimi stabiliti dalla legge. Per questo chiedono anche la partecipazione dei committenti. “Se la Regione non sarò in grado di farli sedere al tavolo con noi corriamo il rischio di fare un buco nell’acqua”, sottolinea Giuseppe Tumminia della Uilcom. “Ci sono contratti – aggiunge – non più sostenibili che vanno rinegoziati”.

Il secondo riguarda la definizione degli esuberi e la possibilità di accedere agli ammortizzatori sociali, nonché la formazione per la riqualificazione del personale. Utilizzare lo strumento degli esodi incentivati e tutte le misure che la normativa mette a disposizione per attutire la fuoriuscita. Un tema che potrebbe essere superato nella misura in cui le parti riescano a trovare una convergenza sulla competitività e sulla produttività.

Entrambe sono l’oggetto del terzo tavolo, che ha il fine di individuare le opportunità che la Regione può mettere in campo per affidare ad Almaviva i servizi di settore di cui ha bisogno, ad esempio attraverso la piattaforma Consip.

Maurizio Rosso
Maurizio Rosso

Per Maurizio Rosso, della Slc Cgil, “bisogna affrontare le difficoltà investendo sui servizi di qualità, quelli che assicurano maggiore redditività all’impresa e più garanzie ai lavoratori. Per fare questo basterebbe rispettare l’accordo triennale che abbiamo firmato lo scorso anno. La competizione si fa sulla qualità investendo sulle competenze dei lavoratori e sull’erogazione di servizi ad alto valore aggiunto, attraverso l’utilizzo dell’innovazione tecnologica. Non si può continuare a giocare al ribasso. E’ una vergogna che diversi committenti continuino a chiedere sconti sul costo dei servizi”.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia, Dipasquale (Pd): “Fronte compatto contro il governo Schifani” CLICCA PER IL VIDEO

Due volte sindaco di Ragusa e deputato regionale del Pd, all’Ars dal 2012, Nello Dipasquale, è ospite questa settimana a Bar Sicilia.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.