Condividi

Vertenza Almaviva, sit-in di protesta dei lavoratori a Palermo

mercoledì 6 Aprile 2022

Sit-in di protesta dei lavoratori Almaviva in via Cavour, a Palermo. Una delegazione sindacale è stata ricevuta dal prefetto per rappresentare il dramma dei lavoratori del call center, al centro della vertenza legata al subentro di Ita ad Alitalia e al passaggio dell’appalto del servizio assistenza clienti a Covisian. In rappresentanza del Comune, era presente l’assessora Giovanna Marano.

Il 21 ottobre scorso si era raggiunto un accordo che metteva in sicurezza i lavoratori. Ma qualche giorno fa Covisian ha dichiarato che l’intesa commerciale con Ita non è andata a buon fine e che il contratto per la fornitura del servizio di contact center scadrà a fine mese. “Il 1° aprile purtroppo i lavoratori del call center ex Alitalia assunti in Covisian e quelli ancora in attesa di passaggio in Almaviva hanno ricevuto l’ennesima doccia fredda. Un accordo che aveva messo in sicurezza oltre 600 persone è stato disatteso in un unico momento – dichiarano per la Slc Cgil Palermo Emiliano Cammarata e Massimiliano FiducciaCovisian ha disdetto un accordo sottoscritto al ministero del Lavoro, che vedeva appunto tutto il governo come garante. Adesso siamo tornati indietro di 6 mesi. Oltre 500 lavoratori rischiano di perdere il posto in una città come quella di Palermo che sicuramente non se lo può permettere“.

Al prefetto – aggiungono Cammarata e Fiduccia – chiediamo che scriva una nota al ministero del Lavoro e delle politiche sociali affinché venga convocato immediatamente un tavolo per fare chiarezza in una vicenda che ha del grottesco: Covisian aveva preso degli impegni, Ita aveva preso degli impegni e il ministero del Lavoro era garante di questo accordo. E’ un problema che riguarda tutto il settore: purtroppo continuiamo a inseguire inseguire crisi industriali da ormai troppo tempo. Ci vuole una politica industriale seria per questo comparto“.

Questo ennesimo dramma occupazionale – proseguono Fiduccia e Cammarata – va risolto immediatamente, in tempi certi. Il tavolo deve arrivare subito perché è stato il ministero del Lavoro, durante una complicata trattativa, a farsi da garante perché nessuno perdesse un posto di lavoro. Dobbiamo stabilire le responsabilità di quanto è accaduto. Chiediamo un tavolo in modo tale che il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali svolga il suo ruolo di garante sul rispetto di un accordo che, se venisse disatteso, avrebbe non solo conseguenze sociali ed economiche ma sarebbe devastante su una situazione già compromessa perché Almaviva da diverso tempo sta uscendo da questo mercato togliendosi le commesse. Quindi non avrebbe la possibilità di reimpiegare le 300 persone che erano in attesa di transitare in Covisian, con quello che ne può conseguire“.

Leoluca Orlando

La tutela delle lavoratrici e dei lavoratori Almaviva è irrinunciabile. È necessario che si faccia chiarezza attorno al ritiro di Covisian ed è fondamentale che il ministro del Lavoro Andrea Orlando convochi un tavolo, prima delle festività pasquali, per confermare gli obiettivi concordati lo scorso ottobre“. Lo hanno affermato il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e l’assessora Giovanna Marano al fianco dei lavoratori del call center Almaviva che stamattina si sono riuniti davanti alla Prefettura per sensibilizzare le istituzioni al fine di scongiurare i licenziamenti. “Serve un intervento urgente del Governo – hanno aggiunto Orlando e Marano – affinché si trovi la soluzione ad un problema che investe due importanti operatori del settore e soprattutto affinché venga rispettata l’applicazione della clausola sociale garantita dalla legge. Non c’è più tempo da perdere“. L’obiettivo principale resta quello di “garantire i livelli occupazionali delle lavoratrici e dei lavoratori della commessa Ita“, concludono il sindaco e l’assessora.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Sicilia Jazz Festival, Garsia: “Modello per rinnovare il sistema musicale nazionale” CLICCA PER IL VIDEO

Il Sicilia Jazz festival si amplia sempre più e con grande risonanza nel Mondo… ma che dimensione ha il Jazz in Italia?

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.