Condividi

All’Ars Pd sempre più allo sbando, Cracolici congela l’adesione e Dipasquale accusa: “Il partito è senza una guida”

lunedì 18 Dicembre 2017
cracolici

Senza capogruppo e con alcuni deputati che hanno deciso di ‘congelare’ la propria partecipazione al gruppo parlamentare all’Ars, mentre altri stamattina hanno formalizzato l’adesione. E’ il day after della spaccatura nel Pd sull’elezione del presidente dell’Assemblea regionale siciliana, con 4 parlamentari che al momento di votare non hanno rispettato il patto di votare per il candidato di bandiera, Nello Dipasquale. Almeno due i voti dem a favore di Gianfranco Miccichè, poi eletto.

Secondo quanto si apprende, stamani era prevista una riunione informale degli 11 parlamentari Pd negli uffici del gruppo a Palazzo dei Normanni, subito dopo le adesioni dei deputati. Ma alcuni fra loro, tra i quali ci sarebbe l’ex capogruppo Antonello Cracolici che a caldo ha definito i franchi tiratori “utili idioti”, hanno deciso di ‘congelare’ l’adesione in attesa di un chiarimento politico alla luce della scelta di quattro deputati, rimasti nell’anonimato del voto segreto per l’elezione del presidente dell’Ars, di non votare il candidato di bandiera, Nello Dipasquale, spaccando il fronte.

E intanto, lo stesso Dipasquale parla di partito senza una guida.

“Né Miccichè mi ha chiamato per offrirmi la vice presidenza – sottolinea – né il segretario del mio partito Raciti o altri compagni mi hanno telefonato per esprimermi il rammarico per il torto che ho subito da un pezzo del Pd che non mi ha votato, avendoci messo io la faccia”.

L’esponente Dem ha avuto solo sette preferenze, mentre alcuni parlamentari Pd non lo hanno votato. Un “tradimento” del patto, sancito nel corso di una riunione, che ha fatto implodere i dem alla prima prova d’aula.

“La verità – aggiunge Dipasquale – è che c’è chi accusa una parte del Pd di avere inciuci con la maggioranza non perché voleva mantenere il partito puro ma perché aveva accordi con i grillini. Mi spiace di avere messo la faccia in questa situazione, certamente non sono io il traditore”. Per Dipasquale “sono due i deputati dem che hanno votato per Miccichè e non quattro”. “C’è una parte del Pd in Sicilia che lavora per distruggere. In questo momento il partito è senza una guida ha concluso Dipasquale.

Il Pd vive in queste ore uno psicodramma, che suona come un tutti contro tutti. E a stretto giro, infatti, a Dipasquale risponde il responsabile dell’organizzazione del Pd siciliano, Antonio Rubino: “Consiglierei a Nello Dipasquale di evitare di fomentare ulteriormente il clima di tensione che c’è dentro al Pd per quanto successo sabato scorso per l’elezione del presidente dell’Ars”. 

“Gli ricordo che il tema non è ‘chi è puro e chi non lo è – aggiunge Rubino – ma chi vuole il bene del Pd e chi non lo vuole”. E, prosegue Rubino, “nessuno di noi ha mai detto che il Pd fa schifo”, con riferimento alle parole che Dipasquale, qualche anno fa, pronunciò durante un comizio quando militava tra le file del centrodestra.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Caruso: “La coalizione gode di ottima salute, al lavoro per gestire le criticità dell’Isola” CLICCA PER IL VIDEO

Ospite della puntata di oggi è Marcello Caruso, segretario regionale di Forza Italia e componente della segreteria nazionale

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.