Condividi

Almaviva, dramma continuo per i lavoratori del call center di Palermo

martedì 13 Dicembre 2016
Almaviva

Scatta da oggi il ricorso al fondo di integrazione salariale per 13 settimane per 3.164 lavoratori del call center Almaviva Contact di Palermo, ai quali i contratti di solidarietà sono scaduti il 30 novembre scorso. I sindacati sono preoccupati e temono ritardi nei pagamenti di parte dell’ammortizzatore sociale, mentre resta ancora da sciogliere, in parte, il nodo dei trasferimenti dalla Sicilia alla Calabria: da lunedì scattano i primi trasferimenti da Palermo a Rende per una prima tranche di lavoratori impiegati nella commessa Enel in scadenza a fine dicembre. Nei giorni scorsi i sindacati hanno inviato una lettera al viceministro Teresa Bellanova per chiedere la convocazione di un incontro urgente al ministero dello Sviluppo economico.

Per le organizzazioni sindacali, infatti, sarebbe in parte stato disatteso l’accordo sui trasferimenti siglato al Mise a novembre scorso tra Exprivia, la società che si è aggiudicata la commessa Enel, Almaviva Contact, il governo e i sindacati. L’accordo prevedeva il passaggio di 297 operatori di Almaviva Contact su 395, da quest’ultima ad Exprivia, su base volontaria. Ma la società, secondo i sindacati, avrebbe dichiarato la propria disponibilità ad assumere 257 lavoratori su 297 indicati nell’intesa ministeriale. In totale sono 62 i dipendenti del call center palermitano, che tra il 19 dicembre e il 9 gennaio dovrebbero prendere servizio a Rende.

Eliana Puma
Eliana Puma

“Siamo preoccupati – dice Eliana Puma della Fistel Cisl di Palermo – l’azienda non ha chiarito la percentuale di ammortizzatore sociale che intende applicare a Palermo. C’è un clima di grande incertezza che non aiuta le relazioni industriali. Sollecitiamo un incontro al ministero dello Sviluppo economico sul nodo dei trasferimenti da Palermo, e auspichiamo soluzioni anche per Roma e Napoli“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, truffa sui carburanti: 13 indagati e sequestro beni da 25 milioni CLICCA PER IL VIDEO

I sequestri sono stati eseguiti nelle province di Catania, Palermo, Enna, Catanzaro e Reggio Calabria. L’indagine, condotta dalle unità dei gruppi Tutela finanza pubblica del nucleo Pef della Guardia di finanza di Catania e Operativo regionale antifrode dell’Adm ha riguardato due distinti gruppi.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.