Condividi
Trasportati in hotspot

Ancora sbarchi a Lampedusa, quasi mille migranti in ventiquattro ore

domenica 24 Marzo 2024
migranti

Ventuno sbarchi con complessivi 945 migranti. Si è conclusa così la giornata di ieri a Lampedusa dove fino a poco prima di mezzanotte sono proseguiti soccorsi e approdi. Gli ultimi sei gruppi, partiti da Sfax e Zarzis in Tunisia e da Sabratha e Tajoura in Libia, erano composti da un minimo di 17 ad un massimo di 77 persone originarie di Bangladesh, Egitto, Pakistan, Siria, Costa d’Avorio, Gambia, Guinea, Mali, Niger, Senegal e Sierra Leone.

Tutti sono stati portati all’hotspot di contrada Imbriacola che, ieri sera, è arrivato a ospitare 1.335 persone e dove all’alba, dopo il trasferimento di 381, c’erano 1.031 migranti. La prefettura di Agrigento ha disposto per oggi un doppio spostamento con i traghetti di linea per Porto Empedocle: 300 partiranno in mattinata e 380 in serata.

AGGIORNAMENTI:

Ore 10:48Altri 160 migranti, su quattro diverse imbarcazioni, sono stati soccorsi dal pattugliatore Greco-Gan della guardia di finanza di Taranto. Le persone trasbordate sono: 47 (un minore), 39 (tre donne), 50 (nove donne e quattro minori) e 24 sedicenti bengalesi, egiziani, guineani sudanesi, senegalesi, ivoriani e malesi. Tre gruppi hanno riferito d’essere partiti da Sfax in Tunisia pagando 1.500 dinari tunisini per la traversata su barchini di metallo. Gli ultimi 24, salpati da Zuara in Libia, hanno viaggiato invece su una barca in vetroresina e hanno sborsato tremila euro a testa.

Ore 11:05 – La nave Mare Jonio ha soccorso 114 migranti, tra cui donne e bambini, in due operazioni di soccorso nel Mediterraneo centrale. Lo ha reso noto la stessa Ong, aggiungendo che le autorità italiane hanno assegnato per lo sbarco il porto di Pozzallo, dove si sta recando anche il capo missione Luca Casarini, che coordina le operazioni da terra. La prima imbarcazione, con 55 persone a bordo in fuga dalla Libia, è stata soccorsa ieri sera nella acque della Tunisia. Una barca in legno sovraffollata di persone, che rischiava il naufragio. Questa mattina il secondo soccorso: 59 persone, tra cui 4 donne e 12 minori, la bambina più piccola ha appena 20 giorni. I profughi, su una barca in ferro partite dalla Libia, sono soprattutto persone in fuga dalla guerra in Siria. Gli interventi di soccorso sono stati resi possibili dalle segnalazioni dell’aereo SeaBird di Sea Watch e di Alarm phone.

Ore 14:23Un migrante è disperso dopo che 51 gambiani, guineani, malesi e senegalesi sono finiti in mare durante il soccorso del loro barchino di ferro da parte della guardia costiera al largo di Lampedusa. I militari della motovedetta hanno recuperato 50 persone, fra cui 11 donne e due minori, ma all’appello mancherebbe un ragazzo. Il natante di sette metri è salpato – stando ai primi racconti dei naufraghi – venerdì sera da Sfax in Tunisia.

Ore 14:41 – “Manca mio fratello, non c’è mio fratello. Dov’è mio fratello?“. È una volta giunti a molo Favarolo di Lampedusa, subito dopo lo sbarco dei 50 migranti finiti in acqua e soccorsi dai militari della guardia costiera, che una ventenne, forse poco meno, della Guinea ha iniziato a urlare e a richiamare l’attenzione di soccorritori e volontari.

Fra i naufraghi, raccolti in mare dagli uomini della motovedetta Cp 319, non c’è infatti il ragazzo quindicenne. Sono subito partite le ricerche, nell’esatto punto in cui i migranti – durante le operazioni di trasbordo – sono finiti in acqua. Ancora una volta, nonostante gli inviti dei militari della Capitaneria a stare fermi perché lentamente tutti sarebbero stati trasbordati, i migranti si sono spostati tutti verso il lato della motovedetta e il barchino di sette metri in ferro si è ribaltato.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Giovani fuorviati dal crack, crea una barriera insormontabile” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista de ilSicilia.it a Franco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. Il ricordo del figlio, l’impegno quotidiano per sensibilizzare sul tema delle droghe nelle scuole, l’importanza di strutture sul territorio come la “Casa di Giulio” e il centro di pronta accoglienza…

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.