Condividi

Ars: prova del nove fra accordi sottobanco e tradimenti

lunedì 18 Dicembre 2017
regione siciliana

La prova del nove è prevista per oggi. Per capire se accordo c’è stato o meno tra una parte del Pd e Miccichè, basterà vedere come finisce l’elezione dell’ufficio di presidenza.

Ma andiamo con ordine.

La maggioranza di centrodestra torna a riunirsi oggi alle 11 alla presenza del nuovo presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè. Un modo per registrare eventuali malumori, allungare l’onda lunga dei voti (39) che hanno portato  all’elezione del commissario forzista e piazzare la botta che potrebbe consentire oggi, nella seduta d’Aula pomeridiana, l’elezione di Roberto Di Mauro, come vicepresidente dell’Ars.

Il primo dei due punti all’ordine del giorno prevede anche il giuramento del deputato Pippo Gennuso, assente per gravi motivi personali alla seduta d’insediamento del nuovo parlamento regionale.

Per Miccichè è fondamentale che ogni casella vada al proprio posto rispetto all’asset iniziale e che non ci sia  destabilizzazione nella votazione dell’ufficio di presidenza.

La composizione del voto su Miccicchè, dicevamo, ha cambiato forma e sostanza nel corso della terza (ripetuta) votazione di sabato. A conti fatti invece da 35, il ‘magic number’è diventato di 39 voti. Contando i due voti ballerini della maggioranza, con i franchi tiratori che hanno provato a impallinare Miccicchè che sono rimasti al loro posto, e i due dichiarati da Sicilia Futura, il resto viene dalla spaccatura del Pd.

Sarà così anche oggi?

Se infatti D’Agostino (Sicilia Futura) ha parlato di un allargamento del perimetro della maggioranza, legato a un fatto istituzionale e dettato da «un forte senso di responsabilità», fuori quindi da un significato politico, i Dem sono implosi del tutto. Si era infatti deciso che il candidato di bandiera sarebbe stato Dipasquale che invece ha incassato solo 7 voti.

I quattro voti andati a Miccichè potrebbero essere stati espressi da Luca Sammartino, Michele Catanzaro, Nello Dipasquale e Luisa Lantieri. Una ricostruzione che trapela anche dai malumori di AreaDem.

Storie e pettegolezzi che si sono rincorsi negli ultimi due giorni e che, nonostante le smentite dei diretti interessate (tranne Luisa Lantieri, gli altri tre hanno detto che si tratta solo di fantasie), creano più d’un sospetto alla vigilia del voto di oggi pomeriggio.

L’indiscrezione vorrebbe che a Lantieri e Sammartino sia stato garantito un posto rispettivamente di deputato segretario e di deputato questore, mentre mediazioni di Crisafulli e Cuffaro avrebbero perfezionato un clima d’intesa che, secondo alcuni, non nasce per caso e non sarebbe neanche una circostanza. Se la copertura romana, per molti aspetti, nel Pd, è apparsa subito nelle cose, il secondo dato riguarda invece la proiezione che esso genera.

Musumeci continua a ribadire che i fatti d’Aula interagiscono con dinamiche diverse, ma se nascesse un asse privilegiato tra Forza Italia e i renziani di Sicilia, non potrebbe a lungo fare finta di non conoscerlo.

Senza contare che i deputati Dem oggi torneranno a sedere negli stessi banchi, ma la prospettiva di una ricomposizione al momento è lontana.

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, scuole. Tamajo: “Appena avremo risorse dal bilancio, pianificheremo gli interventi” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista all’assessore alla Pubblica Istruzione e all’edilizia scolastica del Comune di Palermo, Aristide Tamajo, tra manutenzioni, palestre, personale e asili da aprire

BarSicilia

A Bar Sicilia l’assessore regionale Scarpinato: “Ecco il nostro Turismo 4.0” CLICCA PER IL VIDEO

E’ Francesco Scarpinato, l’ospite della puntata numero 217 di Bar Sicilia. L’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo ha parlato del futuro della Sicilia e dei progetti legati al settore che è considerato il volano dell’economia dell’Isola. A intervistarlo, come sempre, il direttore Marianna Grillo e l’editore Maurizio Scaglione. Scarpinato raccoglie un’eredità importante lasciata dall’ex…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.