Condividi
Il provvedimento

Bagheria (PA), denunciati due imprenditori per bancarotta fraudolenta

martedì 28 Maggio 2024

I finanzieri del comando provinciale di Palermo hanno eseguito un provvedimento del gip di Termini Imerese (PA) con cui sono stati denunciati per bancarotta fraudolenta due imprenditori bagheresi ed è stato disposto, nei confronti di uno di questi, il sequestro preventivo della somma complessiva di 360 mila euro nonché l’applicazione della misura interdittiva all’esercizio dell’attività imprenditoriale.

Secondo le indagini i due imprenditori avrebbero pilotato il fallimento di un’azienda che opera nel commercio di capi di vestiario e calzature. Le attività distrattive avrebbero generato un passivo di quasi due milioni di euro rimasto insoluto anche a causa dell’assenza di un patrimonio aggredibile da parte dei creditori.

L’amministratore della società fallita, insieme al figlio, in base a quanto accertato dalle fiamme gialle, attraverso una costante vendita sottocosto delle merci e il trasferimento di importanti valori aziendali (tra cui anche l’avviamento e il marchio), avrebbero distratto gran parte dei valori aziendali della fallita verso un’altra società, dello stesso settore e avrebbero nascosto le reali perdite.

Sono stati sequestrati diversi rapporti finanziari, un immobile e oggetti preziosi per un valore di oltre 50 mila euro. Sono state trovate tre coppe di terracotta che, sottoposte a perizia da parte della soprintendenza ai beni culturali e ambientali di Palermo, sono risultate essere dei manufatti di origine attica risalenti al V-VI secolo a.C.

I reperti, trovati nel 1987 nel sito archeologico del Monte Maranfusa nel comune di Roccamena e custoditi per anni presso la collezione del Museo Civico sarebbero stati sottratti in data e luogo imprecisati per poi finire nel salotto dell’indagato, il quale non sarebbe stato in grado di dimostrarne ai militari il legittimo possesso.

Il responsabile è stato quindi denunciato anche per il reato di ricettazione di beni culturali.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.