Condividi

Cassa integrazione in ritardo, colpa di errori informatici e codici postali generici | VIDEO

mercoledì 6 Maggio 2020

https://www.facebook.com/ksjjsjdndncjdjf/posts/2856815061033368?__cft__[0]=AZUJQRP2F2MHF_9lMQJoxO7dQbAfQPHNGiMMcVPKrGwrnah0ZDP7fdRbMDgaDB3E_ilUwNvWBZHZFq0Ngw2Alu-d0E6mXgCmI7aE743b-lAJJZsVWXCc-Wg5oAC5iBfn4K97JTZmIICtLgqpMpaZSZi9&__tn__=%2CO%2CP-R

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Colpa di un codice di avviamento postale generico o un giorno in più di cassa integrazione segnalato dall’azienda rispetto alle nove settimane previste: sarebbero questi i motivi dei ritardi nell’erogazione dell’ammortizzatore sociale che in questi giorni hanno portato la Regione sul banco degli imputati.

A spiegarlo è Gaetano Sciacca, responsabile del Centro per l’impiego di Messina, che su facebook ha pubblicato un video in cui difende il lavoro svolto dai dipendenti regionali e dice la sua sul perché dei ritardi.

La tesi di Sciacca è che nella fase iniziale di invio delle domande di accesso alla cassa integrazione in deroga da parte delle imprese che ne facevano richiesta all’Inps, molte tornavano indietro agli uffici per l’impiego per errori di lieve entità, come appunto il cap generico o la forbice della durata della cassa integrazione che teneva conto dell’ultimo giorno di lavoro ordinario anziché quello in cui sarebbe stato effettivamente attivato l’ammortizzatore sociale. Il ritardo si sarebbe ulteriormente prolungato in quanto, nella fase iniziale, non sarebbe stato possibile procedere alla modifica della domanda (cosa adesso consentita) ma si sarebbe dovuto procedere alla stesura di una istanza ex novo.

Sciacca non ci sta a far passare per ‘fannulloni’ i suoi colleghi, snocciola i numeri del suo ufficio: 2595 pratiche arrivate in quattro tornate (tra il 20 aprile e il primo maggio): “Tutte espletate“.

E una postilla Sciacca la riserva al commento del bonus di cui tanto si parla in questo periodo, i dieci euro a pratica per i dipendenti regionali che si occupano, appunto, della cassa integrazione in deroga: “Somme già previste per il Dipartimento della Regione”, dice Sciacca.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, Settecannoli e riqualificazione della Costa Sud: tra speranze, progetti, degrado e impegno civico CLICCA PER IL VIDEO

Nuova tappa del viaggio de ilSicilia.it tra i quartieri di Palermo alla rubrica “La città chiama…”. Questa volta è il turno di Settecannoli, nella seconda circoscrizione, in cui ricade il lungomare della Costa Sud di Palermo. L’intervista a Sergio Oliva.

BarSicilia

Bar Sicilia, Cracolici: “La mafia ha scelto forme diverse per infiltrarsi nei territori”

Nel nome di Falcone, di Borsellino e dei simboli dell’Antimafia che hanno saputo essere esempio e testimonianza, Cracolici riassume l’attività svolta dal suo insediamento alla guida della commissione sino a oggi

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.