Condividi
L'inchiesta

Catanese morto alle Bahamas, disposta l’autopsia: il corpo trovato senza organi

martedì 13 Febbraio 2024
Foto d'archivio

La Procura di Catania ha aperto un’inchiesta sulla morte di Alfio Torrisi, 54 anni di Giarre (CT), deceduto nell’ottobre del 2023 al Rand memorial hospital di Freeport, nelle Bahamas, dove era stato ricoverato dopo un malore sulla nave ‘Paradise della Carnival cruises line, dove era al lavoro per conto della Techni teak di Riposto (CT). Il fascicolo ipotizza il reato di omicidio colposo ed ha due indagati, come atto dovuto per eseguire l’autopsia come atto irripetibile: il titolare dell’impresa per cui lavorava e il capitano della nave.

L’inchiesta si prospetta complicata anche per l’impossibilità di eseguire una completa autopsia sul corpo dell’uomo che, il medico legale nominato dalla Procura, Cristoforo Pomara, ha trovato privo di organi interni, sostituiti da segatura mista a fogli di giornali americani, per imbalsamarlo. Decisivo, a questo punto, diventa recuperare i “vetrini” che l’ospedale delle Bahamas dovrebbe aver conservato. La procuratrice facente funzioni Agata Santonocito e il sostituto Emanuele Vadalà hanno avviato la procedura per la rogatoria internazionale. L’inchiesta a Catania è stata avviata il 9 novembre del 2023, dopo un esposto della moglie del falegname, assistita dagli avvocati Antonio Fiumefreddo e Giuseppe Berretta.

La famiglia Torrisi denuncia che l’attività del falegname si sarebbe svolta “in condizioni di lavoro ai confini del disumano“: a “cielo aperto per 14-16 ore al giorno” e “senza di fatto pause“, in una località che “ancora in ottobre fa registrare temperature estive con tassi d’umidità fra i più elevati al mondo“. Nell’esposto faro acceso anche sui soccorsi dopo che l’uomo si sente male – ha “un forte mal di testa” e “zoppica e farfuglia frasi incomprensibili” – che sarebbero stati “contraddistinti da una colpevole gravissima omissione“: dalle tre ore e mezza trascorse dal malore prima che fosse chiamata l’ambulanza al mancato trasferimento dal “piccolo ospedale di Freeport” a Miami, come peraltro consigliato dai medici locali”.

I legali affermano che “in questa fase, non avendo avuto accesso agli atti, non hanno alcuna dichiarazione da fare“. “Mio fratello stava benissimo, aveva fatto dei controlli medici poco prima ed era sano – dice Rosaria Torrisi – ha lasciato una moglie e un bambino, e noi sorelle e fratelli con papà distrutti. Vogliamo sapere se sia morto di lavoro e che fine abbiano fatto i suoi organi. Sembra tutto così assurdo… Non ci daremo pace fino a quando non avremo la verità

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia, Dipasquale (Pd): “Fronte compatto contro il governo Schifani” CLICCA PER IL VIDEO

Due volte sindaco di Ragusa e deputato regionale del Pd, all’Ars dal 2012, Nello Dipasquale, è ospite questa settimana a Bar Sicilia.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.