Condividi

Dissesto Messina: sì della Corte dei Conti per rimodulare il Piano

lunedì 21 Febbraio 2022

Nessuna sorpresa è emersa dalla delibera della Corte dei Conti (sezione della Regione Siciliana) in merito alla lunga vicenda del dissesto del Comune di Messina. Tutto rinviato alla rimodulazione del Piano pluriennale di riequilibrio così come previsto dalla legge n°234 del 30 dicembre 2021 che apre una “finestra” per i Comuni a rischio dissesto.

La norma consente infatti a Comuni alle prese con i Piani di riequilibrio approvati prima dello scoppio della pandemia di rimodularli alla luce delle evidenti conseguenze sulla situazione degli enti. Ed è a questa legge del governo Draghi che l’amministrazione De Luca ha fatto riferimento nel corso dell’audizione on line dell’8 febbraio. La giunta ha anche trasmesso regolarmente l’1 febbraio le controdeduzioni a quanto la Corte dei Conti aveva sollevato (una serie di criticità che hanno messo a forte rischio il via libera del Piano).

I magistrati contabili, come previsto, hanno comunque considerato valido il ricorso alla normativa che adesso consente la possibilità di presentare entro 120 giorni una proposta di rimodulazione del Piano di riequilibrio.

Il Piano non dovrà passare più dalla commissione ministeriale ma essere trasmesso direttamente alla Corte dei Conti siciliana.

I magistrati invitano quindi l’ente a trasmettere, “a corredo del piano rimodulato, ovvero, ove non fosse perfezionato il relativo iter, alla scadenza infruttuosa del termine di legge, una relazione in cui illustrare i dati relativi agli esercizi finanziari 2020 (la cui rendicontazione, nel frattempo, è stata definitivamente approvata con la delibera consiliare n. 2 del 5 gennaio 2022) e 2021 (anche sulla base, eventualmente, delle informazioni di preconsuntivo), e della programmazione triennale 2022-2024″.

La Corte dei Conti quindi ha preso atto della volontà del Comune di Messina di esercitare la facoltà di rimodulazione del piano di riequilibrio finanziario pluriennale e  rinvia ogni determinazione ad una successiva adunanza. La data della nuova riunione dipenderà dai tempi di trasmissione della modifica al precedente Pluriennale. La giunta De Luca, prima delle dimissioni, ha già predisposto le modifiche da apportare con un dimezzamento della massa debitoria.

La palla nel frattempo è passata al Consiglio Comunale che dovrà esaminare e votare il Piano rimodulato e al Commissario (che al momento non è stato ancora nominato).

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Cateno De Luca si racconta a Donna Sarina: “Sono andato nell’aldilà e sono tornato” CLICCA PER IL VIDEO

Ospite della prima puntata del format web de ilsicilia.it “Donna Sarina” è Cateno De Luca, ex sindaco di Messina e leader dell’opposizione

BarSicilia

Bar Sicilia, Pagana e le sfide del suo assessorato. “Chiarezza su CTS, parchi, balneari e Arpa. FdI? In atto confronto costruttivo” CLICCA PER IL VIDEO

Elena Pagana, assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, è l’ospite della puntata numero 225 di Bar Sicilia. Intervistata da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, Pagana ha parlato della Cts, del futuro dei Parchi siciliani, di Arpa, balneari e, in quanto dirigente di Fratelli d’Italia, ha fatto il punto sullo stato di salute del partito guidato…

La Buona Salute

La Buona Salute 61° puntata: Cancer Center

La 61^ puntata de La Buona Salute è dedicata al Cancer Center presso l’ARNAS Garibaldi di Catania, con nuovi spazi e tecnologia all’avanguardia per migliorare le prestazioni per i pazienti oncologici

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.