Condividi

Estorsioni sui funerali, smantellata la cosca dei Mazzaglia a Biancavilla di Catania

sabato 10 Dicembre 2016
Gli arresti a Biancavilla

“L’Onda d’urto” dei Carabinieri ha colpito la cosca catanese Mazzaglia –Toscano- Tomasello, clan legato alla famiglia Santapaola-Ercolano, i dominus della mafia nella Sicilia orientale. Onda d’urto è il nome dell’operazione in due fasi compiuta dai militari per arginare le attività di estorsione a Biancavilla, proprio in provincia di Catania. Il primo a cadere nella rete è stato un ragazzo di 23 anni, Fabio Amoroso: i Carabinieri di Paternò lo hanno arrestato lo scorso 5 dicembre  al termine di un’indagine  sulle vessazioni subite da  un imprenditore del settore onoranze funebri  di Biancavilla, costretto da diversi anni a pagare ingenti somme di denaro a titolo di “protezione”.

Gli arresti a Biancavilla
Gli arresti a Biancavilla

 

L’imprenditore, stanco di subire il continuo ricatto, da tempo collaborava con le forze dell’ordine. Da quello spaccato di estorsioni la Procura Distrettuale di Catania ha sciolto il filo del network e i risultati dell’indagine hanno portato all’emissione di un fermo nei confronti di altre sette persone di Biancavilla, tutti appartenenti alla criminalità organizzata, per estorsione continuata e aggravata dal metodo mafioso. L’attività estorsiva posta in essere dagli indagati nei confronti dell’imprenditore è iniziata nel 2012 ma si era aggravata con ulteriori vessazioni e continue richieste di somme di denaro. I fermati sono Vincenzo Salvatore Panebianco, 26 anni; Vincenzo Monforte, 30 anni; Tino Caruso, 38 anni; Placido Merlo, 34 anni; Antonino Arico’, 34 anni; Angelo Santi, 39 anni; Alfio Ambrogio Monforte, 47 anni, fermato dai Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Emilia, luogo di residenza.Nei confronti di altri quattro soggetti è stata invece notificata ordinanza di custodia cautelare in carcere per lo stesso reato. I destinatari sono Giuseppe Amoroso, 44 anni; Gregorio Gangi, 27 anni; Massimo Merlo, 44 anni; Roberto Maglia, 29 anni. Tutti questi soggetti sono considerati dagli inquirenti appartenenti al clan “Mazzaglia-Toscano-Tomasello”, attivo nel comune di Biancavilla e considerato articolazione della famiglia catanese “Santapaola-Ercolano“.

I riscontri investigativi svolti con intercettazioni ambientali e telefoniche, oltre a riprese video, hanno permesso di ricostruire l’azione estorsiva e di evidenziare i ruoli e le dinamiche del clan biancavillese. Gli arrestati sono stati tradotti presso la casa circondariale di Catania Bicocca, ad esclusione di Alfio Ambrogio Monforte, associato presso l’istituto penitenziario di Reggio Emilia. Il Clan Mazzaglia  è uno dei nuclei più violenti di Cosa Nostra nella Sicilia orientale. Negli ultimi dieci anni il gruppo criminale è stato decimato sia dall’azione della magistratura, sia dalle faide interne.

Aggiornamento: L’operazione dei carabinieri è stata  commentata anche dal sindaco di Biancavilla, Giuseppe Glorioso: Voglio esprimere il plauso e l’apprezzamento ai Carabinieri per l’operazione portata avanti, in questi giorni, nella nostra città, segno di una presenza forte e concreta dello Stato e delle Istituzioni a garanzia dei cittadini perbene, per l’affermazione del principio sacro e inviolabile della legalità. Da Biancavilla  aggiunge – parte un duplice messaggio positivo: il primo, le Istituzioni e le Forze dell’Ordine lavorano incessantemente e con determinazione per la sicurezza di cittadini e imprese che non vengono lasciati soli; il secondo, ci sono cittadini biancavillesi che con dignità, coraggio e determinazione decidono di ribellarsi al sistema del malaffare, una città che non si piega ma che tiene la testa alta“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

Bar Sicilia, Elena Pagana: “Parco dell’Etna e riserve, ecco cosa stiamo facendo per l’ambiente” CLICCA PER IL VIDEO

Dalle politiche per la fruizione dei parchi alle attività dell’Arpa fino alla pianificazione, ospite di Bar Sicilia è l’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente Elena Pagana

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.