Condividi

Spaccio di cocaina tra Barrafranca e Catania, arrestate tre persone

venerdì 17 Dicembre 2021
foto d'archivio

I carabinieri del Ros e dei Comandi provinciali di Enna e Catania hanno arrestato tra Barrafranca (Enna) e Catania tre persone accusate di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti ed altri reati connessi all’acquisto e cessione di droga nel comprensorio.

I militari hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip nei confronti di P. S., 64 anni, ritenuto dagli investigatori vicino alla famiglia mafiosa di Barrafranca, M. S., di 31 anni, entrambi residenti a Barrafranca, e di S.G., 30 anni, di Catania. Ai primi due vengono contestati almeno sedici viaggi a Catania per acquistare cocaina da maggio a ottobre 2019.

La droga acquistata, nell’ordine di circa 100 grammi per volta, veniva poi ceduta a Barrafranca a molti assuntori. Le indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Caltanissetta, scaturiscono dal compendio investigativo dell’operazione Ultra del luglio del 2020 che aveva fatto emergere come il comprensorio di Barrafranca costituiva un crocevia del traffico di stupefacenti ed un punto di riferimento per l’intera provincia di Enna grazie ai comprovati accordi tra gli esponenti della famiglia mafiosa di Barrafranca ed esponenti della criminalità mafiosa catanese. Avevano anche permesso di documentare la ricostituzione della famiglia mafiosa di Barrafranca attorno alla carismatica figura dell’anziano capo mafia Raffaele Bevilacqua. P.S. era stato già arrestato nell’operazione ‘Ultra’ ma l’ordinanza nei suoi confronti era stata annullata dal tribunale del Riesame. Secondo quanto accertato P.S. sarebbe stato l’organizzatore di un sodalizio finalizzato allo spaccio di cocaina e si sarebbe approvvigionato da S.G., ritenuto esponente della famiglia Santapaola di Catania avvalendosi anche di M.S. Le indagini hanno fatto emergere anche l’esistenza di una cassa comune, gestita da M. S., per il prelievo dei soldi da versare al fornitore catanese a titolo di anticipo o saldo del prezzo della droga.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.