Condividi

“Fatture false per oltre 20 milioni”: in manette un imprenditore del Messinese

lunedì 11 Febbraio 2019
Guardia finanza truffa frode fatture

Nell’ambito dell’Operazione “Succhi d’oro”, la guardia di finanza di Messina ha contestato un giro di fatture false per oltre 20 milioni e l’indebita percezione di un finanziamento europeo di circa 5 milioni a Salvatore Imbesi, imprenditore 58enne e consigliere comunale di Barcellona Pozzo di Gotto, che opera nel settore agrumicolo, che è stato arrestato. Sequestrati beni per 10 milioni di euro tra quote sociali, conti correnti, disponibilità finanziarie e immobiliari riconducibili a tre persone indagate e a una Società coinvolta nella frode.

I reati ipotizzati per Imbesi, che è stato anche assessore al Bilancio, sono truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, riciclaggio, emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

Le indagini avrebbero permesso di scoprire “un complesso sistema di false fatturazioni, posto in essere principalmente – scrivono gli investigatori – attraverso due Società del Barcellonese, una operante nel settore agrumario e l’altra in quello edile, entrambe riconducili al medesimo rappresentante legale – finalizzato sia all’evasione delle imposte sia all’ottenimento, indebito, di un finanziamento comunitario per un importo complessivo di circa 5 milioni euro“.

Le due Società avrebbero documentato una serie di rapporti commerciali mediante l’utilizzo di fatture false e fornito una falsa rappresentazione degli investimenti riguardanti l’ampliamento e l’ammodernamento di un impianto di trasformazione agrumaria. Avrebbero inoltre simulato rapporti commerciali fittizi riguardanti la compravendita di agrumi, documentati attraverso l’emissione e l’utilizzo di fatture relative a operazioni inesistenti.

Le indagini finanziarie svolte sui conti correnti bancari degli indagati e delle Società coinvolte hanno consentito, tra l’altro, di accertare l’ipotesi del reato di riciclaggio in capo al figlio dell’imprenditore.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.