Condividi

Formazione professionale cambiano le regole. Lagalla: “Abbiamo scelto la via più breve”

mercoledì 28 Febbraio 2018
lagalla

La Formazione professionale siciliana prova ancora una volta a riscrivere le sue regole. A darne notizia oggi, nel corso di una conferenza stampa l’assessore a Istruzione e Formazione professionale Roberto Lagalla e il consulente a titolo gratuito Gianni Bocchieri, esterno all’amministrazione, uno dei papabili per la successione del direttore Gianni Silvia, in procinto, tra qualche mese, di andare in pensione.

Dopo anni di ricorsi con l’Avviso 8 nato dalle ceneri dell’Avviso 3, il nuovo governo regionali, già nella metà di gennaio, aveva avviato  l’idea di un avviso-ponte parallelo per sbloccare lo stallo della situazione divenuta oltre modo cristallizzata.

Lagalla, nel corso dell’incontro con i giornalisti ha dichiarato: “Esiste una legge 24/76 maia abrogata e un accreditamento che misura la capacità organizzativa degli enti che chiedono di partecipare all’offerta formativa. Abbiamo scelto la strada dello sportello ed eliminato i parametri di discrezionalità nel finanziamento dei corsi”.

E ancora ha poi aggiunto: “Non esistono corsi inutili per definizione. La nostra preoccupazione è quella di raccordare il tempo della formazione con quello del lavoro. Uno dei prossimi passaggi saranno concordati direttamente in azienda.  Abbiamo una quota riservata ai detenuti, una risposta alle esigenze di recupero speciale dopo l’espiazione della pena e una tutela provinciale che vuole garantire le azioni formative incardinate su tutto il territorio nazionale”. 

Lagalla ha sottolineato la tempistica reattiva con cui il governo Musumeci è intervenuto sul nuovo bando che di fatto adatta lo strumento dell’Avviso 8 in una nuova forma di avviso: “Abbiamo costruito un modello che innova alcuni punti rispetto al passato. È chiaro che eravamo di fronte a un bivio se rivedere tutto o procedere a una graduale innovazione”.

Il direttore Gianni Silvia ha poi aggiunto: “Esiste un repertorio valido con certificazione a livello nazionale. I titoli valgono ovunque. Non siamo più nella giungla autoreferenziale di prima. Viste le ospzioni, su quello si costruisce il corso che non è a discrezione della Regione, ma è repertoriato attarverso standard già fissati”.

Il consulente Bocchieri ha invece commentato sul merito del mondo della Formazione: “Non è più finanziata l’offerta, ma la domanda. L’assenza di valutazione dà comunque il senso di una formazione che sarà raccordata con il mondo del lavoro e le competenze che il settore richiede”

Altre regioni -ha sottolineato Bocchieri- hanno provato a trovare soluzioni diverse: “La Sicilia, mi pare-ha concluso-ha fatto un ottimo lavoro”

Nel settore ha ricordato Lagalla, lavorano almeno 7500 persone. Senza gli sportellisti da riconvertrire ad altre attività, si arriva a 6200 lavoratori

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.