Condividi

G7, parte l’operazione rattoppo per le strade di Taormina [Video]

martedì 4 Aprile 2017


Start per i lavori del G7. Sono appena incominciate le opere per la sistemazione delle strade di Taormina,  da asfaltare e ammodernare in vista del meeting dei grandi del mondo. L’appuntamento appare sempre più una sorta di “Operazione ultimo rattoppo“. Dalle scorse ore la Via Garipoli, dove già nel weekend era stato predisposto il cantiere, è stata chiusa al traffico vincolare per consentire l’esecuzione delle opere finalizzate ad asfaltare il tracciato della principale arteria viaria della città. Di conseguenza il traffico e la viabilità che normalmente caratterizzano la bretella A18 è stato dirottato lungo la Via Pirandello dove non mancano adesso in diversi momenti di lunghe code. Ad ogni modo si tratta di un vero e proprio rush finale di lavori che andranno avanti,  a questo punto, anche nei fine settimana per terminare entro fine mese.

Rimane invece quantomai enigmatica la situazione del Palazzo dei Congressi dove lunedì sera si sono notate le luci accese del complesso e sono entrati in azione i militari dell’Aeronautica ma, in buona sostanza, si è di fronte ad una vicenda emblematica di quel che poteva essere e che alla fine, calendario alla mano non si avvererà a Taormina: ovvero la messa a norma definitiva della struttura di piazza Vittorio Emanuele, vanamente attesa dal 1981 (anno in cui venne inaugurata). Si fa sempre più probabile un mini intervento finalizzato per lo più a consentire la regolare fruizione in extremis dell’edificio in vista delle giornate del G7 per le conferenza e gli incontri delle diplomazie internazionali. All’interno dovrebbe comunque essere sostituita l’impiantistica e rivisitata anche qualche altra cosa come forse la moquette delle due sale principali ed in tal senso ci sarà l’impegno dell’Aeronautica Militare, che si occuperà pure delle tinteggiature esterne dei prospetti del Palazzo.

La parte riguardante il sistema antincendio sarà a cura dei Vigili del Fuoco. Intanto il tempo corre e la situazione appare comunque sempre più incerta e avanza l’ipotesi di una deriva provvisoria in vista dell’evento di fine maggio. E analoga incertezza rimane per la villa comunale dove c’è da sistemare la frana di oltre 20 metri nel belvedere sbriciolatosi nel settembre 2015. Nella giornata odierna si prevede un nuovo sopralluogo da parte dei vertici dell’Aeronautica Militare che potrebbero portare al definitivo via libera in vista dei lavori, da effettuare evidentemente in extremis. Per sistemare il progetto e completarlo ci vorrà una decina di giorni, almeno 15 giorni per ristrutturare il muretto crollato, con ulteriori 5 giorni per predisporre i micropali ed altrettanti per impiantare la carpenteria del muro. Ed ancora: per la posa del cemento nel muro sono necessarie almeno 24 ore, bisogna poi aggiungere il collaudo ed il rivestimento del muro. Ma il G7 a Taormina è in agenda a maggio, non tra un paio di mesi.

Per quanto concerne, infine, il predetto piano strade il programma appena scattato in queste ore, da qui alle prossime settimane comprenderà nel dettaglio le seguenti attività: risanamento superficiale del manto stradale; predisposizione di nuova segnaletica orizzontale, sostituzione di parte della segnaletica verticale, sostituzione delle barriere metalliche sul viadotto ubicato nella parte iniziale di via Garipoli in prossimità dello svincolo autostradale e ripristino dei tratti di barriera visibilmente danneggiati; ripristino, auspicato da tempo, dei muretti di via Roma; pitturazione degli imbocchi delle gallerie presenti lungo gli itinerari; pitturazione degli imbocchi della ringhiera del belvedere di piazza IX aprile e di quella presente adiacente l’albergo San Domenico. Verranno effettuati, in particolare, interventi lungo dieci chilometri di arterie comunali e provinciali di accesso al centro storico e nel perimetro della zona rossa e la posa del tappetino color miele lungo la Via Teatro Greco, di circa 4 centimetri. Un tappetino che, in verità, da più parti già ci si chiede: ma poi per quanto tempo resisterà?

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, truffa sui carburanti: 13 indagati e sequestro beni da 25 milioni CLICCA PER IL VIDEO

I sequestri sono stati eseguiti nelle province di Catania, Palermo, Enna, Catanzaro e Reggio Calabria. L’indagine, condotta dalle unità dei gruppi Tutela finanza pubblica del nucleo Pef della Guardia di finanza di Catania e Operativo regionale antifrode dell’Adm ha riguardato due distinti gruppi.

BarSicilia

Influenza, Covid e nuovi virus: a Bar Sicilia tutti i consigli dei professori Corrao e Vitale CLICCA PER IL VIDEO

Tra i professori inseriti nella World’s Top 2% Scientist, la graduatoria planetaria delle scienziate e degli scienziati con livello più elevato di produttività elaborata dalla Stanford University, ci sono anche Salvatore Corrao, Professore di Medicina Interna dell’Università di Palermo e Capo Dipartimento di Medicina Clinica dell’Arnas-Civico di Palermo e Francesco Vitale, Professore ordinario di Igiene…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.