Condividi

Giorgio Assenza presenta all’Ars un disegno di legge per la tutela delle razze asinine autoctone

venerdì 2 Febbraio 2018

In antitesi ai luoghi comuni, sono animali intelligenti, falsamente indolenti o svogliati, di spirito libero ma mansueti, utili poiché resistenti alle fatiche pur in condizioni estreme e di compagnia fino al punto da esser riconosciuti dalla medicina quali soggetti ottimi per la pet terapia: questa l’indole degli asini. Ma le nostre tre razze isolane autoctone sono a rischio” così Giorgio Assenza, presentando in Ars un composito disegno di legge finalizzato alla tutela dell’Asino grigio siciliano, di quello Ragusano e del Pantesco, per la valorizzazione della specie e per incentivare l’utilizzo del ricco latte che, per le sue proprietà organolettiche, anallergiche e sostanziali, è il più vicino a quello umano e, per ciò, viene già utilizzato a scopi terapeutici oltre che prettamente alimentari.

Questa proposta (scritta a più mani e, per questo, voglio ringraziare i professori Biagina Chiofalo e Luigi Liotta dell’Università di Messina) – spiega meglio il presidente del Collegio dei Questori in Assemblea regionale –  dispone l’avvio della protezione delle tre razze indigene le quali, a causa della sempre crescente meccanizzazione delle attività di campagna, potrebbero essere a rischio estinzione se non si avviano le misure necessarie, stabilendo innanzitutto i valori medi dei parametri morfologici a cominciare dall’asino grigio siciliano, le cui origini sono molto antiche, passando per l’autoctono di Pantelleria fino alla razza Ragusana, di più recente costituzione, riconosciuta nel 1953 dall’Istituto per l’incremento ippico che tiene il registro anagrafico e diffusa in gran parte della provincia, da Santa Croce Camerina a Comiso a Scicli e Modica”.

Il rilancio in tutti i sensi della figura dell’asinello, dell’incremento sostenibile della produzione e della commercializzazione del suo latte – conclude Assenza – sarà quindi anche foriero di sviluppo economico pure al di là degli impieghi in campo medico con l’auspicabile incremento ulteriore della onoterapia, rivolta sia agli adulti come, principalmente, ai bambini problematici per aiutarli nell’età della crescita”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.