Condividi

‘Il grande abbaglio: Peppino Impastato e il Pci’, in un libro il ricordo

lunedì 9 Maggio 2022

Anche quest’anno l’anniversario del sacrificio di Peppino Impastato vede un susseguirsi di iniziative, di convegni e presentazione di libri che ricordano la sua vita, il suo impegno contro la mafia e l’incessante battaglia promossa dalla mamma Felicia, da fratello Giovanni e dal Centro a lui intitolato per ristabilire alla verità e punire i responsabili di quel feroce assassinio. A conferma che il suo ricordo non si è mai affievolito ed è sempre presente nell’animo dei siciliani che trovano nel suo ricordo nuovi stimoli per continuare la sua battaglia. A tal fine anche noi abbiamo voluto dare un contributo attraverso un libro che è in corso di pubblicazione ad iniziativa dell’editore Ottavio Navarra.

Elio Sanfilippo
Elio Sanfilippo

Insieme al ricordo della figura di Peppino e del suo impegno politico il libro presenta una peculiarità che fino ad ora non è stata mai analizzata e approfondita e che segnò molto quella storia: i rapporti tra il partito Comunista e Impastato caratterizzati spesso da aspre polemiche e dure contrapposizioni, ma soprattutto spiega il grande “abbaglio” del PCI (che è il titolo del libro) di non denunciare subito e apertamente che l’assassinio di Impastato fosse un chiaro delitto di mafia. Un aspetto non secondario di questa drammatica vicenda.

Il libro descrive il travaglio interno che caratterizzò il gruppo dirigente del PCI, i motivi che portarono per un certo periodo ad una posizione di ambiguità fino al suo graduale ripensamento, l’abbandono di ogni atteggiamento di prudenza e il netto riconoscimento di delitto di mafia. Un contributo in tal senso venne da Luigi Colayanni, Pio La Torre ed Emanuele Macaluso. A questa “svolta” seguì un impegno per ristabilire la verità e ricucire lo strappo provocato nel movimento antimafia.

Il libro si sofferma sulle conseguenze che l’iniziale posizione comportò nel ritardo della comprensione dei cambiamenti e dei nuovi interessi di Cosa Nostra e del contesto di guerra di mafia in cui si muoveva l’azione di Peppino Impastato che vedeva l’ascesa dei corleonesi di Totò Riina al comando di Cosa Nostra.

A tal proposito il libro mette in luce il ruolo che assunsero i capi dell’Arma dei carabinieri che fino all’ultimo considerarono Impastato un terrorista vittima dell’attentato che stava preparando fino alla ridicola tesi del suicidio, rifiutandosi pervicacemente di seguire la pista del delitto mafioso. Vengono, infine, analizzate le varie ipotesi che portarono i carabinieri ad operare uno dei più gravi e grandi depistaggi della storia e le importanti iniziative che Impastato stava portando avanti per scoprire legami e connivenza tra deviati appartai dello Stato la mafia. Infine, insieme al depistaggio si cerca di capire i motivi veri che portarono alla sua uccisione e i misteri che si volevano coprire con la sua eliminazione.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.