Condividi

Il Tribunale di Roma libera le quattro donne arrestate nel campo Rom della Favorita

martedì 21 Febbraio 2017
rom campo nomadi favorita

Il Tribunale di Roma, dopo il trasferimento delle donne nel Cie laziale Palermo, ha deciso che non ci sono gli estremi per l’espulsione.

Tornano quindi a casa a Palermo le quattro giovani donne Rom arrestate sabato scorso al termine di un blitz nel campo nomadi all’interno del Parco della Favorita e trasferite al Cie della capitale per essere espulse. Il primo a darne notizia attraverso i social è l’assessore palermitano Giusto Catania: “Non ci sono gli estremi per trattenimento ed espulsione. Le quattro donne ROM palermitane, dopo l’ingiusta deportazione, tornano a casa”.

Il blitz aveva da subito sollevato polemiche per dimensioni e modalità dell’operazione, che ha visto coinvolti i carabinieri della Compagnia di San Lorenzo, gli uomini del 12esimo Battaglione Sicilia, le unità cinofile e un elicottero del Nec. L’esito è stato di 73 persone identificate e 45 perquisizioni domiciliari eseguite, con l’arresto di Sebastian Dibrani, 43 anni, di origine slave, su cui pendeva un ordine di carcerazione emesso dalla procura di Messina nel 2010, e il caso delle quattro giovani donne.

 

Leoluca Orlando

La decisione del Tribunale di Roma, che non ha convalidato i decreti di espulsione di quattro cittadine palermitane Rom, conferma le forti perplessità che in tanti avevamo espresso sul provvedimento – è la dichiarazione soddisfatta del Sindaco di Palermo Leoluca Orlandoe conferma anche la totale inadeguatezza normativa del nostro paese e denuncia quanto sia grave l’assenza di una legge sullo Ius Soli, così come di una adeguata protezione nazionale e internazionale per i cittadini di quegli Stati non più esistenti e degli apolidi. Ancora una volta, il richiamo fermo e risoluto all’articolo 1 della Dichiarazione universale dei diritti umani (Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti), resta l’unico a cui ispirarsi per l’azione dello Stato in ogni sua articolazione e per l’agire di ciascuno di noi“.

Subito dopo l’operazione di sabato era stato proprio Orlando a denunciare la “deportazione” di cittadine nate e cresciute a Palermo o che a Palermo vivono da oltre 20 anni per essere sfuggite alla guerra nella ex Jugoslavia.

 

rom
Il campo Rom della favorita (foto di Umberto Santoro)

 

Anche la clinica legale per i diritti umani dell’Università di Palermo esprime grande soddisfazione attraverso un comunicato stampa: “Domattina, le nostre concittadine potranno tornare a casa e riabbracciare i loro figli, genitori, fratelli. Preziosa è stata l’azione dell’avvocata Tatiana Montella che le ha difese, coadiuvata dalla collaborazione tra la clinica legale dell’Università di Palermo e la Clinica del diritto dell’immigrazione e della cittadinanza dell’Università di Roma tre, nonché dall’intervento di Giulia Veca, consulente per le politiche Rom del Comune di Palermo. Si tratta di un’azione congiunta grazie alla quale, dal punto di vista legale, sono stati difesi i diritti di donne che erano state separate dalle loro famiglie e rischiavano di essere espulse verso paesi in cui tre di loro non hanno mai neppure messo piede, essendo nate e cresciute a Palermo“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, truffa sui carburanti: 13 indagati e sequestro beni da 25 milioni CLICCA PER IL VIDEO

I sequestri sono stati eseguiti nelle province di Catania, Palermo, Enna, Catanzaro e Reggio Calabria. L’indagine, condotta dalle unità dei gruppi Tutela finanza pubblica del nucleo Pef della Guardia di finanza di Catania e Operativo regionale antifrode dell’Adm ha riguardato due distinti gruppi.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.