Condividi

“Nebrodi Sicily” per il rilancio nella Grande Distribuzione

lunedì 14 Novembre 2016

Un marchio di garanzia per rilanciare le bellezze dei Nebrodi. Un modello glocal emerso nell’ultimo weekend a Galati Mamertino, durante la terza edizione del Festival del giornalismo enogastronomico. Il circuito si chiamerà “Nebrodi Sicily”e punterà sulla promozione dei prodotti nella grande distribuzione. Tra gli intervenuti Michela Giuffrida, europarlamentare del Pd, che ha proprio ribadito con forza che “l’aggregazione e’ l’arma che puo’ rendere le imprese siciliane invincibili nella Gdo”. A stare insieme devono essere le imprese che “devono allearsi tra loro e non a vedere l’altro come un nemico”, ha sottolineato Santa Vaccaro, segretario generale di Unioncamere Sicilia, che ha acceso i riflettori sul fatto che siano ancora troppo poche le aziende siciliane che hanno stipulato contratti di rete, solo 386. Ma in questo processo devono essere supportate dalle istituzioni. E a tal proposito il sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone, ha lodato la struttura che ha ospitato il Festival, l’incubatore di imprese di Galati Mamertino: “E’ l’emblema di come si possa mettere a disposizione dei giovani un patrimonio per far nascere idee di impresa che nascono dalla valorizzazione dei nostri punti di forza, cioe’ del nostro territorio e delle sue ricchezze”. Perche’ la bellezza dei posti in basta: “I Nebrodi – ha rilevato l’imprenditore del settore oleario Manfredi Barbera – sono posti bellissimi ma in tutti questi anni e’ mancata la progettualita’ o quando e’ stata realizzata e’ stata monca. L’impresa deve essere aiutata perche’ e’ il motore dell’economia ma anche della crescita culturale di una comunita’. Non a caso io parlo sempre di ‘business sociale'”. E forse qui risiede uno dei problemi di quest’area ma anche di tutta la Sicilia: carenza di programmi di lungo respiro, errato utilizzo dei fondi Ue.

“In Trentino Alto Adige – ha tuonato il docente di Scienze Agrarie e Forestali all’Universita’ di Palermo Paolo Inglese – hanno imprese piccole come le nostre, hanno avuto fondi europei come i nostri eppure negli ultimi anni sono esplose realta’ come Marlene e Melinda. Perche’? Forse perche’ hanno usato i fondi meglio di noi? Noi possiamo fare tutti i marchi che vogliamo ma non c’e’ marchio che funzioni senza imprese. Qui si sta nell’attesa perenne dei bandi per poi realizzare progetti di filiera corta che si riducono nel vendere a noi stessi. Se e’ questo il modello abbiamo sbagliato”. Per il presidente del Gal Nebrodi Plus, Francesco Calanna, pero’ “il modello della grande distribuzione non appartiene all’agricoltura dei Nebrodi”. E in direzione di un modello “glocal” e’ stata firmata la convenzione tra il Gal e l’associazione nazionale Citta’ del Bio per la creazione del Bio Distretto dei Nebrodi, un’iniziativa che “non riguarda soltanto l’agricoltura biologica – ha spiegato Calanna – ma coinvolge anche la bioedilizia, la raccolta dei rifiuti differenziata, il turismo sostenibile. I Nebrodi sono il piu’ grande contenitore naturalistico e di biodiversita’ della Sicilia. Qui si puo’ creare un Bio Distretto che non e’ legato soltanto all’alimentazione ma e’ anche uno stile di vita sano”. Nel corso del Festival e’ stata annunciata anche la nascita del marchio “NebrodiSicily” che “permettera’ – ha spiegato il presidente di Slow Food Sicilia, Saro Gugliotta, e presidente delle Strade dei sapori, progetto nell’ambito del quale e’ stato creato il marchio – di identificare alcuni prodotti di ‘qualita’ quotidiana’, cioe’ facilmente fruibili e consumabili tutti giorni e che avranno la caratteristica comune di essere sostenibili e territoriali. Inoltre, chi vorra’ aderire dovra’ firmare un protocollo di legalita’. ‘NebrodiSicily’ servira’ per raccontare un prodotto: metteremo, infatti, l’etichetta narrante dove si potra’ leggere, per esempio, la storia di cio’ che si sta gustando e quella del suo produttore, come e’ stato realizzato, da dove viene”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia, Dipasquale (Pd): “Fronte compatto contro il governo Schifani” CLICCA PER IL VIDEO

Due volte sindaco di Ragusa e deputato regionale del Pd, all’Ars dal 2012, Nello Dipasquale, è ospite questa settimana a Bar Sicilia.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.