Condividi

Nuove rivelazioni sul caso Montante: dalla trattativa ai servizi deviati | VIDEO

martedì 30 Aprile 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

In attesa della sentenza del Tribunale di Caltanissetta – prevista il prossimo 10 maggio – prosegue l’inchiesta su Antonello Montante, il “paladino dell’Antimafia”, ex leader di Confindustria, arrestato un anno fa nell’operazione Double Face“.

Nicola Morra, presidente della Commissione parlamentare Antimafia oggi accusa: “Il caso Montante lascia sgomenti per la capacità di infiltrazione nelle Istituzioni, ma ancora di più lascia sgomenti il silenzio che si vuole far calare su questo processo e le continue e devastanti rivelazioni che stanno venendo a galla. La nuova puntata di Report (VIDEO IN ALTO) condotta da Paolo Mondani (QUI la 1^ puntata, ndr) continua a produrre squarci di verità di commistioni tra apparati dello Stato, imprenditoria e personaggi in odore di mafia. A questo è doveroso aggiungere la relazione fatta da Claudio Fava con la commissione Antimafia della Regione Sicilia, eppure tutto tace”.

Morra prosegue: “Lasciano tanti dubbi il fallito attentato ad Antoci di cui sono state archiviate le indagini, il ruolo di Banca Nuova e di Zonin e soprattutto la rete costruita da Montante come anche la mancata costituzione di parte civile del ministero dell’Interno. La politica tutta dovrebbe avere un sussulto e far sentire la propria voce davanti al dipanarsi di una e propria vera loggia che agisce contro lo Stato. Farò quanto in mio potere per andare fino in fondo in relazione al codice Montante”. 

«Mentre Montante è ai domiciliari nella sua villa di Serradifalco in provincia di Caltanissetta, dentro Confindustria i suoi uomini sono ancora nei posti che contano», scrivono su Report.

Montante, pen drive distrutteLa nuova puntata in onda ieri sera su Rai3, (come pure il recentissimo libro-inchiesta del giornalista Attilio Bolzoni, “Il Padrino dell’Antimafia“) parla anche della Trattativa Stato-mafia.

Il dubbio sollevato è che Montante, con la sua rete di spie e servizi segreti deviati, abbia qualcosa a che fare con le registrazioni (ufficialmente distrutte) delle telefonate fra Giorgio Napolitano e Nicola Mancino.

Durante le fasi concitate dell’arresto, infatti, a casa di Montante furono ritrovate una serie di pen drive distrutte (vedi foto).

 

LEGGI ANCHE:

La “doppia faccia” del paladino antimafia: chiesti 10 anni e 6 mesi per Montante

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.