Condividi
la 23esima giornata

Ortigia ufficialmente in corsa per lo Scudetto. Il TeLiMar vince in scioltezza e sogna i playoff

sabato 1 Aprile 2023

23esima giornata di grande importanza per le squadre siciliane in A1, in ottica playoff Scudetto.

Matematicamente fatta per l’Ortigia che con tre giornate di anticipo conquista i playoff. Ai biancoverdi è bastata la vittoria per 11-8 contro il Savona per portarsi a quota 53 punti. Gli uomini di Piccardo hanno anche raggiunto un traguardo molto importante: i tre punti di oggi hanno permesso di superare il record stabilito durante la stagione 2017-18. Adesso bastano altri 3 punti per blindare anche il terzo posto.

In vista dei playoff altri 3 punti pesantissimi per il TeLiMar che battendo 17-8 in casa la Rari Nantes Salerno sale a quota 50 punti, mettendo una seria ipoteca sul quarto posto. Per il Club dell’Addaura l’approccio alla gara è apparso positivo e sempre in ottimo controllo fin dall’inizio.

CC ORTIGIA – RN SAVONA 11 – 8

La prima metà di gara è all’insegna dell’equilibrio: i biancoverdi, dopo lo svantaggio iniziale, riescono a rispondere subito con una doppietta di Ferrero (gran tiro e poi 5 metri).

Nel secondo parziale, Panerai rimette in pari il punteggio, ma l’Ortigia è abile ad aprire la difesa ligure con le transizioni da 1 e da 5 e a guadagnare ancora un 5 metri, realizzato da Ciccio Condemi, al quale segue il +2 realizzato ancora da Ferrero, in superiorità. Vidovic ha in mano il rigore dell’ulteriore allungo, ma Da Rold (migliore in acqua tra gli ospiti) para e il Savona, prima dell’intervallo lungo, torna a -1 con un 5 metri di Durdic.

Nel terzo tempo, i ragazzi di Angelini aumentano il pressing e sono più aggressivi in difesa, riuscendo anche a ripartire bene e a realizzare, nella prima metà del tempo, un parziale di 3-0 che li porta in vantaggio 6-4. Piccardo vede il momento di difficoltà dei suoi ragazzi e chiama time-out per spezzare il momento no. A un minuto e mezzo dal termine, in 20 secondi, la partita cambia: un bell’alzo e tiro di Rossi e un 5 metri di Ferrero portano il match in parità prima degli ultimi 8 minuti.

Nel quarto tempo, l’Ortigia è incontenibile e dà spettacolo, portandosi a +4 con il rigore di Ciccio Condemi, il bolide di Cassia e le due bellissime azioni concretizzate da Vidovic e Napolitano. I liguri, però, non mollano e provano a riavvicinarsi con Panerai e Patchaliev, ma Cassia chiude i conti. Finisce 11-8.

Nel dopo partita il coach Stefano Piccardo ha dichiarato: “Contro il Savona sono sempre partite bellissime, intense, fatte di tanti scontri fisici e sempre corrette. Merito ai miei giocatori, che hanno fatto un ottimo risultato. Non è facile vincere 11-8 contro Savona. Abbiamo attaccato bene, sapevamo che bisognava aprirli in difesa e questo cambio volante ci ha portato due o tre azioni molto belle. Inoltre, sulla transizione abbiamo concluso bene due o tre volte, sia con il goal di Vidovic che in altre occasioni. L’idea era quella di giocare con la palla sulla linea fino agli ultimi secondi. Nel momento di difficoltà, poi, siamo rimasti uniti. Questo è segno di una crescita rispetto all’anno passato. Ora bisogna continuare a lavorare in assoluta serenità. Voglio fare i complimenti al gruppo, ai giocatori, perché 53 punti sono un record. Di solito non guardo mai la matematica, ma questo risultato, soprattutto dopo un anno così travagliato, mi riempie di orgoglio. Felice per me e soprattutto per il club, per gli sforzi che ha fatto, e per questo gruppo di ragazzi che si meritano ogni traguardo possibile“.

TELIMAR PALERMO – RN N. SALERNO 17 – 8

Prima frazione quasi a senso unico. Il Club dell’Addaura sblocca subito il risultato con Vitale. In ripartenza dopo un’ottima fase difensiva, raddoppia con Irving e va sul +3 con Giorgetti. Il TeLiMar ha l’occasione di allungare ancora, ma Hooper fallisce dai cinque metri. Ne approfitta il Salerno, accorciando con Esposito, ma gli uomini di Baldineti non si scompongono e vanno sul 5-1 con Giorgetti e Irving, entrambi al termine di un bel giro palla in superiorità.

Pericas due volte su uomo in più porta il TeLiMar sul 7-1 in avvio del secondo quarto. Poi, uno splendido fraseggio di Vitale, Giliberti e Giorgetti, tutto di prima, per il gol dell’ex Azzurro che vale l’8-1. Provano a scuotersi i campani con Tomasic, ma i padroni di casa sono una macchina da guerra e con il vicecapitano Di Patti vanno sul 9-2 su uomo in più. Sfortunato Jurisic, autore di diversi salvataggi, sul tiro di Luongo finito sulla traversa. Il suo colpo di testa involontario avvicina gli uomini di Citro. Sul finale del periodo, però, i palermitani rubano palla e con una controfuga solitaria di Irving si portano in doppia cifra.

Dopo l’intervallo lungo, il film della partita cambia leggermente, con il TeLiMar che rifiata un po’ dopo la rete di Hooper in più dell’11-3. Ribatte Gallo due volte sorprendendo la difesa di casa, poi Barroso da posizione centrale, con il tabellone che si aggiorna sull’11-6. Dopo il minibreak di 0- 3, torna alta la concentrazione tra gli uomini del presidente Giliberti: Vitale firma il 12-6, poi Irving conquista e trasforma un rigore.

L’ultimo quarto inizia con una palomba improvvisa di Bertoli per il 13-7. In 5vs4 la spunta Vitale, poi Hooper in alzo e tiro. Ritmi blandi nella seconda metà del parziale, con la rete di Hooper del 16-7 a cui risponde Barroso, con un potente tiro solo smorzato da Jurisic. Sulla sirena finale è Fabiano su uomo in più a fissare il risultato sul 17-8.

La RN Salerno, che ha ottimi giocatori, all’andata ci aveva messo in difficoltà, costringendoci a una vittoria di misura. Oggi, il pericolo più grande era la paura di vincere. Quando si è obbligati è più difficile. Ho cercato di togliere quanta più pressione di dosso ai ragazzi. La reazione è stata perfetta. Hanno giocato una grande partita, creato tante occasioni, tenendo ritmi sostenuti. Hanno fatto tanti gol, con un’ottima difesa. Contro il Recco sarà difficile, anche per via dell’assenza prolungata di Del Basso per squalifica. Sinceramente, nessuno avrebbe mai creduto al quarto posto. Trieste e Savona sono su altissimi livelli. Se riusciremo a tenerli dietro al termine della regular season sarà tutto merito della società e dei ragazzi“. Ha dichiarato a fine partita l’allenatore del TeLiMar Gu Baldineti.

Al termine del match è arrivato anche il commento del Presidente TeLiMar, Marcello Giliberti: “Abbiamo giocato una grande partita sia in attacco che in difesa, grazie a una eccellente prestazione dell’intero gruppo. Siamo partiti fortissimo, abbiamo tenuto costantemente ritmi alti, sbagliando molto poco, chiudendo il match altrettanto bene. A questo punto per il matematico accesso ai play-off Scudetto ci mancano soltanto tre punti, che speriamo di conquistare prima possibile. Partiremo ora per Recco, dove cercheremo di onorare la vasca, cercando con il nostro bravo coach Baldineti di mettere sempre più a punto gli schemi tecnico-tattici della squadra. Grandissimo campionato, fra mille avversità correlate al nostro impianto. Speriamo di poter giocare presto con le tribune agibili, per essere di nuovo supportati dal nostro appassionato pubblico che sinora si è perso questo straordinario spettacolo“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Lombardo a Bar Sicilia: “Autonomia sfida da cogliere, con la Lega patto federativo” CLICCA PER IL VIDEO

Dall’autonomia differenziata ai precari equilibri tra partiti. Ospite della puntata di Bar Sicilia è l’ex presidente della Regione Raffaele Lombardo, fondatore e leader del Movimento per le autonomie

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.