Condividi
le dichiarazioni

Palermo, Corini: “Bari stimolante. Tutino è pronto”. La situazione rosa e mercato

giovedì 19 Gennaio 2023

Venerdì 20 gennaio andrà in scena al Renzo Barbera Palermo-Bari. Un match particolare e di grande spessore per la Serie B. Rosa che si apprestano alla gara con qualche difficoltà legata non solo alla classifica ma anche ad una rosa ridotta, problema già affrontato la scorsa settimana a Perugia. Su tutti questi punti Eugenio Corini ha risposto alle domande in conferenza stampa.

Tutte le gare stimolano sempre, ancor di più quella con il Bari. Sono due piazze molto importanti del calcio italiano. Loro stanno facendo un grande campionato. Hanno una forza fisica importante ed abbinano tante situazioni differenti nella loro fase di gioco. È una squadra allestita molto bene, ben strutturata che ha un mister molto preparato. Mi aspetto una sfida particolarmente interessante. Del match di andata ricordo una cornice bellissima con 35mila persone. Di quella partita mi è piaciuto molto lo spirito ma c’era tanto da fare. Avevo visto dei valori e prendo l’esempio di Valente e Marconi: titolari allora e sono protagonisti adesso. Nel frattempo siamo diventati una squadra. Questi ragazzi sudano la maglia e lo hanno dimostrato a Perugia. Credo che i tifosi abbiano visto questo e chiedo loro massimo sostegno”.

Sfidare il Bari significa anche riuscire a contenere Cheddira, capocannoniere in questo campionato con ben 12 reti. “E’ un giocato in continua crescita che ha trovato anche da un punto di vista mentale una forza importante. E’ un giocatore di livello che abbina fisicità ad un ottimo attacco alla profondità: è un attaccante completo che sta finalizzando molto bene e sa giocare con i compagni. Abbiamo lavorato per cercare di contenerlo anche che se sarà difficile“.

Corini ha ripercorso il match contro il Perugia e i tanti errori, soprattutto nel primo tempo. “Il pareggio di Perugia è stato fondamentale per noi. Eravamo in una situazione di grande difficoltà, dovuto al risultato del primo tempo, e ad una rosa ridotta. Ho rivisto la partita, abbiamo preso gol nel primo minuto e trenta. L’approccio nel primo minuto è stato positivo. Poi abbiamo lavorato male sul fallo laterale e dopo Gomes è scivolato su un loro contrattacco, originando un calcio di rigore, che non c’era a mio avviso. L’ansia di dover recuperare il doppio svantaggio ha fatto sì che non fossimo precisi e qualitativi nel palleggio. Abbiamo forzato troppe situazioni senza essere precisi. Il rammarico è quello di aver preso ingenuamente il terzo gol dopo avere accorciato con Marconi. Dovevamo essere più lucidi. Nella ripresa siamo stati molto intensi, concentrati e bravi. ho rivisto il mio Palermo, quello che avevamo lasciato prima della sosta”.

Contro il Perugia il Palermo ha realizzato poco: 4 tiri in porta. In compenso sono state 3 le reti realizzate. Su questo aspetto il mister ha fatto una riflessione. “Ci sono altre partite dove abbiamo calciato in porta tantissime volte e non l’abbiamo presa. Questa volta siamo stati più qualitativi. C’è stata una ricerca di come andare ad attaccare il Perugia perché difendono dentro l’area in una maniera particolare. Anche quando non siamo riusciti a calciare siamo andati bene nelle zone dove dovevamo attaccare e sono stati bravi i loro difensori a respingere. Stiamo lavorando su più fronti, e sul gioco nell’ultimo terzo di campo: Tutino amplia questo tipo di soluzioni per le sue caratteristiche diverse dagli altri. Se siamo andati a calciare verso la porta vuol dire che abbiamo liberato i giocatori nella maniera corretta e siamo stati incisivi e pericolosi, come purtroppo spesso non lo siamo stati. Dunque anche per me questo è uno step importante“.

Sul mercato: “Con la società c’è un dialogo continuo. Abbiamo preso un giocatore importante come Tutino. Si allenerà con noi oggi e sarà disponibile contro il Bari. E’ un attaccante di livello con caratteristiche diverse rispetto agli altri. Stiamo lavorando per arricchire anche gli altri reparti”. Le emergenze maggiori sono lungo fascia sinistra, dove al momento c’è il solo Sala.Mateju può adattarsi a sinistra. Stiamo comunque cercando quel tipo di giocatore che abbia le stesse attitudini e le stesse caratteristiche. La società sta lavorando su questo“. Gli infortuni di Gomes e Stulac hanno acceso le sirene anche per il centrocampo, creando una vera e propria emergenza: “In questo momento ho 4 centrocampisti per 3 ruoli, quello che sicuramento in questo momento ha più attitudine per giocare come vertice è Damiani, l’ha già fatto a Brescia e giocherà venerdì. Un centrocampista avviverà sicuramente”.

Situazione infortunati:

Gomesha subito questa frattura alla mano ed è stato operato ieri. L’intervento è andato bene e lo staff medico sarà più preciso sui tempi di recupero penso la settimana prossima, dopo la prima visita di controllo“.

Vidoha un problema al gluteo che non è particolarmente grave ma per questa partita non sarà disponibile”.

Salaieri è tornato in allenamento e dunque è recuperato”.

Bettellaviene da un percorso che ho raccontato prima di Perugia e sta recuperando una condizione genarale importante visto che per 2-3 settimane abbiamo dovuto gestirle ma è arruolabile“.

 

 

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.