Condividi

Palermo: rifiuti dati alle fiamme a Passo di Rigano, Zen sommerso dalla spazzatura | FOTO

mercoledì 30 Settembre 2020
rifiuti in fiamme a Piazza Santa Cristina, Palermo
Piazza Santa Cristina, Palermo

GUARDA LE FOTO IN ALTO

Palermo sprofonda tra ai rifiuti. Da alcune settimane la raccolta della spazzatura procede a rilento, soprattutto nelle zone periferiche della città, con conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti.

Fra le zone più colpite del capoluogo siciliano vi è certamente la settima circoscrizione, con in testa le strade del quartiere Zen. Nelle immagini inviate da alcuni residenti, si possono chiaramente vedere diverse cataste di rifiuti lasciate da giorni in via Rocky Marciano.

Già nelle scorse settimane avevamo documentato la situazione di disagio vissuta da diversi quartieri della settima circoscrizione e non solo. Non è bastato l’intervento e l’organizzazione degli stessi residenti, le strade continuano ad essere inondate da spazzatura e mobilio di vario genere.

Con il tempo, i cumuli diventano delle vere e proprie montagne di diversi metri di altezza. Venutasi a creare la solita catasta di sacchetti, capita spesso che alcuni incivili appiccano fuochi per bruciare i rifiuti, così come successo a Piazza Santa Cristina, area viaria nel cuore di Passo Di Rigano. Qui una discarica a cielo aperto è stata data alle fiamme, con il fuoco che ha attecchito immediatamente, costringendo all’intervento immediato i vigili del fuoco.

rifiuti allo ZenUN PROBLEMA ORGANICO CHE NON SI RISOLVE CON GLI SLOGAN

Sicuramente sull’efficienza del servizio di raccolta non ha inciso positivamente l’emergenza coronavirus, che ha falcidiato i ranghi dei lavoratori di Rap presenti in servizio. Qualche settimana fa, addirittura il 40% dei lavoratori risultava in malattia, costringendo il presidente Norata ad una strigliata generale.

Quel che è certo è che i cittadini palermitani non vivono in questi giorni in un oasi di verde e non respirano brezza di montagna. Bensì si trovano a guardare ogni anno le solite cartoline di immondizia e a respirare diossina ed altre sostanze nocive per la salute.

A questo va ovviamente aggiunto che i cumuli di umido lasciati per giorni per strada attraggono topi e scarafaggi. Un ulteriore beffa per i residenti, costretti in molti casi a ricorrere a servizi di disinfestazione.

Un quadro nel quale disorganizzazione e l’inciviltà regnano sovrane. Nei giorni scorsi, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha lanciato una campagna social con la quale ha deciso di pubblicare, sui suoi canali ufficiali, i volti e le targhe di chi abbandona rifiuti per strada.

Per quanto sia nobile la battaglia intrapresa dal primo cittadino, ciò non basta a risolvere una problematica organica e pluriennale come quella della gestione della raccolta dei rifiuti. Già, ogni anno, da anni, è sempre la stessa storia. Rifiuti per strada, raccolta a rilento e disagi per i cittadini. La solita triste storia palermitana.

 

 

LEGGI ANCHE:

Palermo, Zen invaso da topi e rifiuti: “Abbandonati dalle istituzioni” | VIDEO

Emergenza rifiuti a Palermo, topi ed immondizia invadono Pallavicino | FOTO

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

Bar Sicilia, Elena Pagana: “Parco dell’Etna e riserve, ecco cosa stiamo facendo per l’ambiente” CLICCA PER IL VIDEO

Dalle politiche per la fruizione dei parchi alle attività dell’Arpa fino alla pianificazione, ospite di Bar Sicilia è l’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente Elena Pagana

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.