Condividi

“Prima o poi s’ha da fare”. Delrio, Rfi e Anas spingono per il Ponte sullo Stretto

venerdì 2 Febbraio 2018
ponte-sullo-stretto
Foto LaPresse – Guglielmo Mangiapane
16/10/17 – Nella foto: Graziano Delrio

“Per noi il corridoio Napoli-Palermo, incluso il ponte di Messina come ipotesi progettuale, è una priorità. Quando sarà finito lo studio di fattibilità, se saremo ancora al governo apriremo un dibattito pubblico, vedremo il rapporto costi-benefici e noi saremo per metterci i 4 miliardi che ci vogliono. Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, rispondendo a una domanda sul Ponte sullo Stretto nel corso di un convegno all’Unione Industriali di Napoli.

“Sul corridoio Napoli-Palermo – ha aggiunto Delrio – il tema è che abbiamo trovato un pasticcio. C’era un project financing che non stava in piedi e cancellato dal Governo Monti e abbiamo dovuto rivederlo”.

E sulla effettiva priorità della realizzazione del ponte sullo Stretto, Delrio chiosa con due parole: “viadotto Himera“. E spiega: E’ crollato due giorni dopo che sono diventato ministro. Era una cosa evitabilissima, c’era una frana da 15 anni e non è stata fermata. È la fotografia di questo Paese che ha fragilità che vanno curate. Sono medico e un paziente in coma, prima di fargli mangiare una buona fetta di carne, cerco di rianimarlo, gli faccio prima mangiare un brodino. Abbiamo somministrato brodini in molte regioni del Nord e del Sud e riattivato una rete dignitosa per la stragrande maggioranza delle persone, perché il problema vero – ha concluso – è il trasporto del quotidiano, più che dell’alta velocità”.

Foto LaPresse – Guglielmo Mangiapane
16/10/17 Palermo.
Nella foto: Graziano Delrio e Maurizio Gentile

Subito dopo è intervenuto Maurizio Gentile, amministratore delegato di Rfi che rincara la dose: “Il ponte sullo Stretto? Dal punto di vista di gestore di un’infrastruttura che deve garantire continuità territoriale, è evidente che sia un’opera sulla quale ci si debba posizionare in termini positivi”. 

Gentile preferisce definirlo “collegamento stabile. Perché la parola ponte ci fa immaginare una infrastruttura specifica mentre esistono anche altre soluzioni alternative allo studio. E’ evidente quindi che, se penso all’infrastruttura ferroviaria come parte integrante del corridoio europeo, sia un’opera sulla quale ci si debba posizionare in termini positivi“.

Insomma, la solita “minestra”: in ogni periodo pre-elettorale, con le elezioni Politiche alle porte, il Ponte diventa tema centrale.

L’unica cosa certa è che “un collegamento infrastrutturale stabile tra la Sicilia e la Calabria prima o poi dovrà essere realizzato. Un ponte o un’altra soluzione tecnica.

Gianni Vittorio Armani, pres. Anas
Gianni Vittorio Armani, pres. Anas

Anche se con molta prudenza, sia l’ad di Rfi, Gentile, sia l’ad dell’Anas, Gianni Vittorio Armani, hanno detto che prima o poi la “grande opera sullo Stretto” s’ha da fare.

Più netto Armani: “In Sicilia vivono circa 1/10 degli italiani, e un numero di abitanti pari a tutta la Danimarca: una qualche forma di connessione va pensata”. 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Giovani fuorviati dal crack, crea una barriera insormontabile” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista de ilSicilia.it a Franco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. Il ricordo del figlio, l’impegno quotidiano per sensibilizzare sul tema delle droghe nelle scuole, l’importanza di strutture sul territorio come la “Casa di Giulio” e il centro di pronta accoglienza…

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.