Condividi

Prima seduta all’Ars per Edy Bandiera e rompe gli indugi: “Mi candido a pieno titolo in FI” CLICCA PER IL VIDEO

martedì 12 Luglio 2022

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Prima seduta d’Aula per Edy Bandiera, in quota Forza Italia, dopo il giuramento della scorsa settimana all‘Assemblea regionale siciliana. L’ex assessore all’Agricoltura del Governo Musumeci, oggi siede tra gli scranni di Sala d’Ercole, prendendo così il posto di Rossana Cannata, eletta sindaco di Avola.

A il Sicilia.it, le prime dichiarazioni del deputato tra gli azzurri della cerchia guidata dal presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, coordinatore del partito forzista nell’Isola.

Il mio primo pensiero va agli oltre 5500 elettori di quasi 5 anni fa, volendomi sostenere ottenendo un grande risultato che non fu l’elezione, ma certamente qualcosa di importante. Al sindaco di Avola Rossana Cannata, che ha lasciato il seggio, faccio i miei migliori auguri. Chiaramente siamo in una coda di legislatura, ma abbiamo ancora un pò di mesi davanti per focalizzare alcune cose. Voglio attenzionare il mio collegio elettorale, la provincia di Siracusa, alla politica regionale. proprio ieri, mi trovavo in un cantiere di edilizia per verificare e segnalare le cose che non andavano bene alle istituzioni competenti”.

In vista delle prossime elezioni regionali previste in autunno, Bandiera non si tira indietro, “Sono assolutamente candidato, a pieno titolo in Forza Italia. Ho visto consolidare le mie relazioni qui a Palermo, creando rapporti virtuosi con la burocrazia che conta, che muove le carte per fare arrivare ossigeno al territorio. Subito dopo il mio insediamento, ho compilato il modulo di adesione al mio partito, del presidente Miccichè. Sento attorno a me una buona aria, c’è tanto consenso. Poi devo dire che tutti mi hanno accolto con entusiasmo, ritrovando buoni rapporti con tutti i parlamentari di varie estrazioni politiche. Lavorerò tanto per il mio territorio e, perché no, per essere rieletto, lavorando per Siracusa e per tutta la Sicilia”.

Tra le questioni affrontate, “C’è tanto da lavorare sul fronte della sanità – afferma Bandiera –  dove si ereditano dal passato, anche lontano, tutta una serie di criticità che vanno attenzionate a livello centrale, e accanto a questo le vicende legate ai temi di sviluppo: l’agricoltura, la pesca, i bandi, che stanno avendo problemi anche a causa dell’aumento dei prezzi delle materie prime, parlo anche degli investimenti in questi settori in termini di struttura e di materiali, che stanno avendo problemi. Occorre prendere per mano il territorio della Regione, e parlo anche della mia provincia di Siracusa”.

“Altro tassello – continua il deputato regionale – è la dignità del lavoro forestale. Quest’anno il governo regionale ha opportunamente pensato di anticipare la campagna antincendio, dopo gli incendi dello scorso anno che hanno distrutto migliaia di ettari di bosco. Sono stati messi in campo preventivamente i lavoratori forestali già dal 26 aprile: i 151isti, 101nisti, 78isti qualificati. Tuttavia, mettere in campo prima questa forza lavoro vuol dire anche che queste attività rischiano di essere fermate nei mesi caldi di luglio e agosto, con tutti i lavori di cura del bosco che devono essere fatti in autunno. In questo senso, cercherò di far finanziare ulteriori attività ed ulteriori giornate”.

Da Bandiera arriva anche il disappunto sull’operato del sindaco di Siracusa Francesco Italia: “Il mio è un giudizio negativo, ma basta fermarsi con qualche siracusano per cogliere il sentimento di non soddisfazione. La città ha tanta voglia di andare a votare, di cambiamento perché sa di avere tante chance adeguate al livello e allo splendore che possiede. Giudicheranno gli elettori”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.