Condividi
il fatto

Scandalo a Palermo, giro di mazzette alla Motorizzazione: 21 misure cautelari. I nomi

martedì 28 Febbraio 2023

Oltre cento agenti della Polizia hanno eseguito 21 misure cautelari degli arresti domiciliari nei confronti di funzionari e dipendenti della Motorizzazione Civile di Palermo e di responsabili di agenzie di disbrigo pratiche automobilistiche del capoluogo. Dietro al blitz ci sarebbe un giro di mazzette incassate dai pubblici ufficiali che, in cambio di soldi, avrebbero chiuso un occhio sulla regolarità di centinaia di pratiche automobilistiche. Ben 187 i capi di imputazione e 42 gli indagati. L’inchiesta è stata coordinata dal procuratore di Palermo Maurizio de Lucia.

Gli agenti hanno effettuato numerose perquisizioni e sequestrato centinaia di fascicoli di pratiche automobilistiche. L’indagine ha avuto inizio nel 2020 e ha visto impegnati, per oltre due anni, gli investigatori della Stradale che hanno utilizzato anche sofisticate apparecchiature di intercettazioni audio e video. Per otto funzionari della motorizzazione civile di Palermo e 13 responsabili di agenzie disbrigo pratiche della provincia sono stati disposti i domiciliari. Contestati i reati di corruzione, accesso abusivo al sistema informatico o telematico e falsità ideologica. L’inchiesta ha preso le mosse da accertamenti sul riciclaggio di autovetture e da un monitoraggio delle pratiche di nazionalizzazione, cioè di immatricolazione dei veicoli provenienti dall’estero, evase dalla Motorizzazione di Palermo.

Da una analisi effettuata dagli investigatori è emerso che negli anni le nazionalizzazioni effettuate all’ufficio della Motorizzazione Civile di Palermo avevano avuto un costante “trend” di crescita, passando dalle 7.740 del 2016 alle 20.465 del 2019. A colpire gli investigatori è stato inoltre che gli intestatari fossero per oltre l’ottanta per cento residenti fuori la provincia di Palermo e che la quasi totalità delle pratiche fosse stata commissionata da un ristretto numero di agenzie palermitane, che, di fatto, esercitavano una sorta di monopolio del mercato ai danni dei concorrenti. Gli investigatori della Polstrada, attraverso la consultazione delle banche dati, hanno scoperto numerose anomalie e irregolarità nella definizione delle pratiche esaminate: non solo quelle di nazionalizzazione, ma anche di collaudo, di duplicati di carte di circolazione e di immatricolazione di macchine agricole. Nelle nazionalizzazioni, le pratiche sarebbero state perfezionate senza che la documentazione fosse completa o regolare; i collaudi dei veicoli, benché obbligatori, non sarebbero stati effettuati e i duplicati di carte di circolazione sarebbero stati emessi per modificare i dati dei veicoli in assenza dei requisiti previsti dalla norma Particolarmente gravi, per gli inquirenti, sarebbero stati gli omessi collaudi: l’assenza di verifica della efficienza e regolarità dei veicoli avrebbe infatti messo a rischio la sicurezza della circolazione.

Secondo gli investigatori, otto funzionari della Motorizzazione assegnati alla così detta ‘area veicoli’, avrebbero chiuso un occhio sulle pratiche in cambio di soldi ricevuti dai titolari di alcune agenzie. Il denaro sarebbe stato messo all’interno delle cartelline con la documentazione che ciascuna agenzia avrebbe dovuto depositare presso gli uffici della Motorizzazione per consentirne l’esame al funzionario addetto. In molti casi le consegne delle mazzette in favore dei pubblici ufficiali sono state riprese attraverso intercettazioni ambientali. Oltre 60 gli episodi per cui i pubblici ufficiali risultano indagati per corruzione in relazione alla trattazione di pratiche riguardanti circa 100 veicoli. La polizia ha anche effettuato un sequestro preventivo di oltre 35 mila euro.

A casa del funzionario della Motorizzazione Luigi Costa, arrestato oggi nell’ambito dell’inchiesta su un giro di mazzette, la Polizia ha trovato 590mila euro in contanti.
Costa, accusato di corruzione, abuso e violazione del sistema informatico, nel 2013 era stato coinvolto in un’altra indagine e aveva patteggiato la pena di un anno e 3 mesi per falso e, anche allora, per accesso abusivo al sistema informatico. Il funzionario era stato spostato all’assessorato regionali ai Trasporti, ma dopo qualche anno era tornato alla Motorizzazione.

Gli indagati nell’operazione sulla Motorizzazione a Palermo sono: ai domiciliari sono finiti Luigi Costa, 58 anni, di Palermo Giuseppe Palermo, 65 anni, di Misilmeri, Rosario Crapa, 62 anni, di Valledolmo, Giuseppe Gullo, di Palermo 62 anni, Giovanni Genova, 55 anni di Trabia, Alfredo Gioietta, 50 anni di Villafrati, Maurizio Caruso, 57 anni di Palermo, Giuseppe Calabrese, 62 anni di Petralia Soprana, Giovanna Passavia, 52 anni, di Palermo, Maurizio Militello, 42 anni di Palermo, Rosario Rubino, 45 anni di Palermo Paolo Salvia, 47 anni, di Partinico, Francesco Biondo, Giuseppe Biondo, 46 anni di Palermo, Antonio Passavia, 55 anni di Misilmeri, Gerlando Cracolici, 65 anni, di Marineo Ignazio Di Chiara, 58 anni, di Palermo Nadia Abitabile, 51 anni, di Palermo Walter Bacile, 25 anni di Palermo, Salvatore Caravello, 41 anni, di Palermo, Lelio Calabrese, 41 anni, di Lercara Friddi.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.