Condividi

Strategie e marketing politico. Ecco chi c’è dietro il successo di Musumeci

giovedì 9 Novembre 2017
musumeci

Chi c’è dietro il successo elettorale di Nello Musumeci in Sicilia?

È un percorso complesso, cominciato oltre un anno fa e fondato su una strategia comunicativa ad ampio raggio. Il primo passo di questa è stata la creazione di una forza politica autonoma e di carattere civico, chiamata “Diventerà bellissima”. Il nome è stato scelto ispirandosi a una famosa frase di Paolo Borsellino, che a chi gli chiedeva se fosse necessario abbandonare la Sicilia per trovare benessere, occupazione e un futuro rispose “Un giorno questa terra sarà bellissima”.

Questa forza civica ha permesso a Nello Musumeci di allargare il consenso, facendolo convergere sul suo nome, e costruire una solida rete di sostenitori in tutta la Sicilia, andando oltre la sua storia politica personale.

A supportare questo lavoro dal punto di vista delle strategie, Musumeci ha chiamato Comin & Partners, studio di consulenza specializzato nella costruzione del consenso per grandi attività d’impresa, con una solida esperienza anche nell’attività di comunicazione istituzionale, elettorale e politica.

Gianluca Comin - presidente Comin & Partners
Gianluca Comin – presidente Comin & Partners

«Per affermare la lista e il posizionamento del neogovernatore – spiega lo studio – è stato necessario un lavoro di posizionamento attraverso i media tradizionali, i social media e grazie a influencer di alto livello, soprattutto nell’area del centrodestra. Questo lavoro, insieme con la consolidata reputazione di Musumeci, ha reso possibile raggiungere un consenso trasversale sul suo nome come candidato unitario di tutti i partiti di centrodestra. Un insieme di fattori che hanno permesso di spezzare quella che ormai era considerata da molte parti una certezza, cioè la vittoria del Movimento 5 Stelle in Sicilia.

La campagna del candidato di centrodestra ha privilegiato un solido impegno sul territorio: per questo Nello Musumeci ha percorso oltre 35mila chilometri, toccando più di 240 comuni siciliani. La forza della sua candidatura è aumentata soprattutto grazie al suo impegno a incontrare le comunità locali, per ascoltarle, farsi conoscere e motivare le persone che avrebbero fatto campagna per la sua lista».

Le ultime fasi della campagna, considerata da alcuni osservatori come un test nazionale, hanno visto crescere l’attenzione mediatica e, di conseguenza, «reso necessario un ulteriore impegno di posizionamento e di storytelling, coordinato da Comin & Partners, d’intesa con i più stretti collaboratori di Musumeci».

«Un elemento caratterizzante della comunicazione del candidato vincente è stato quello – nonostante i toni accesi che hanno contraddistinto la campagna – di non cedere alla polemica ma mantenere uno standing “presidenziale” e un tono autorevole, pur costruendo, chiaramente, una critica nei confronti dei principali competitor. L’esito di questo percorso e ha permesso a Musumeci non solo di vincere la sfida elettorale con un largo consenso ma anche di conquistare la maggioranza dei seggi dell’Assemblea regionale».

Questo caso ci dimostra che per costruire un successo elettorale non basta un solo elemento, ma serve una ricetta composta da più ingredienti. «Da un lato, prima di tutto, sono necessari una figura e un nome autorevoli e rispettati. Dall’altro, è fondamentale raccogliere un fronte politico che sia l’aggregatore di quante più forze possibili, perché solo restando uniti si può pensare di vincere. Infine, costruire una strategia di comunicazione e una campagna efficace, affidandosi a uno staff formato da professionisti e da persone motivate, appassionate, ma soprattutto capaci».

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.