Condividi

Racket prostituzione, per sfuggire all’arresto si nasconde al Cara di Mineo

domenica 27 Novembre 2016
Vivian Oriakhi

Vivian Oriakhi si era nascosta al Cara di Mineo per paura di essere arrestata. Sarebbe lei ad aver organizzato una tratta di giovani donne minorenni da avviare alla prostituzione.

Per questa ragione la donna nigeriana di 34 anni è stata fermata dagli agenti della polizia di Stato perché gravemente indiziata del delitto di tratta di persone, Vivian non avrebbe agito da sola ma avrebbe costruito il suo piccolo racket in concorso con stranieri ancora  non meglio identificati.

La Oriakhi è accusata di avere reclutato, introdotto, trasportato e ospitato nel territorio dello Stato una connazionale minorenne per costringerla o indurla ad esercitare la prostituzione, esponendola ad un grave pericolo per la vita e l’integrità fisica ed al fine di sfruttarne la prostituzione.

Le indagini sono partite grazie alla denuncia di una cittadina nigeriana minorenne, giunta in Italia a seguito di un viaggio clandestino via mare. La ragazzina, reclutata nel paese di origine, sottoposta a rituali magico esoterici per vincolarla all’osservanza, sarebbe stata condotta dalla Nigeria sino alla Libia, e qui piazzata in “connection houses” sorvegliata da persone armate e, quindi, fatta imbarcare su un gommone insieme ad altri 120 migranti.

La Oriakhi è stata rintracciata presso il Cara di Mineo, nel catanese, dove si era introdotta di nascosto, dopo essere fuggita dalla località in cui dimorava temendo di essere ricercata.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Sexting e revenge porn, Butera: “Si comincia già a 10 anni” CLICCA PER IL VIDEO

“Si comincia a dieci anni”. È questa la cosa che ha sconvolto anche sociologi e psicologi quando hanno scoperto che alunni appena usciti dalle elementari erano già entrati nel mondo del “sexting” e del “revenge porn”.

BarSicilia

Bar Sicilia, Bandiera: “A Siracusa quest’anno sfioreremo il milione di presenze”

Maria Calabrese e Maurizio Scaglione “in trasferta” a Siracusa intervistano il vicesindaco Edy Bandiera

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.