Condividi

Teatro Antico di Taormina, il comune avvia azione esecutiva contro Novamusa

venerdì 30 Giugno 2017
Teatro Antico Taormina LOW

Il Comune di Taormina incarica un legale per intraprendere un’azione esecutiva di recupero crediti nei confronti di Novamusa, ex ente gestore del servizio di biglietteria del Teatro Antico per somme non versate a suo tempo dalla società. Con sentenza n. 596 emessa il 06/05/2014 dalla Corte dei Conti Sezione giurisdizionale per la Regione Sicilia, la Società Novamusa srl è stata condannata al pagamento in favore del Comune di Taormina al pagamento della somma di 965 mila 909,01 euro. La questione concerne i proventi del Teatro Antico, la cui quota del 30% mensile risulta spettante al Comune di Taormina. Novamusa ha poi proposto appello contro quella sentenza, innanzi alla Corte dei Conti Sezione Giurisdizionale di Appello per la Regione Siciliana e con sentenza n. 236/A/2015 del 01/12/2015 venne dichiarato inammissibile il ricorso in appello, ed in virtù di ciò venne confermata la sentenza di primo grado. Lo scorso anno il Comune aveva incaricato per portare avanti la causa e quindi l’azione finalizzata al recupero delle somme, ma il professionista ha poi in seguito comunicato la rinuncia all’incarico e si è così reso necessario conferire un nuovo incarico per il recupero delle suddette “somme dovute dalla Novamusa al Comune di Taormina”.

Il sindaco Eligio Giardina, con apposita delibera di Giunta, è stato autorizzato dall’Amministrazione a proporre azione esecutiva di recupero del credito dinanzi al Tribunale di Roma. La casa municipale si è affidata per questa azione all’avvocato Fabio Pasquale Di Cara, professionista del Foro di Messina. Analoga azione potrebbe presto scattare, sempre da parte del Comune di Taormina, nei confronti della Regione Siciliana, per il mancato versamento di circa 3 milioni di euro per il 30% mensile dei proventi dei biglietti di ingresso al Teatro Antico a partire dal secondo semestre del 2014 sino ad ora, quindi anche da un periodo in cui non era più Novamusa ad occuparsi del servizio e quando cioè l’iter per la gestione degli introiti del Teatro è passata direttamente alla Regione Siciliana. Non si escluderebbe, in tal senso, che il Comune possa anche decidere di prevedere azioni di recupero tramite un pignoramento delle somme che vengono incassate adesso al Teatro Antico. Dopo ripetute rassicurazioni, che non hanno poi trovato adeguato riscontro, infatti dall’Assessorato ai Beni Culturali non sono più giunti segnali positivi al Comune di Taormina sulle richieste di versamento di quanto atteso dal Comune di Taormina.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, parla il Prefetto Cucinotta: “Tuteleremo fondi Pnrr da infiltrazioni mafiose. E’ un problema nostro” CLICCA PER IL VIDEO

Il Prefetto di Palermo Maria Teresa Cucinotta intervistata a margine dell’iniziativa “Giornata della Trasparenza”, organizzata dall’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale, ha fatto il punto sugli strumenti a disposizione della Giustizia per evitare il rischio di infiltrazioni mafiose sui fondi Pnrr e sulle grandi opere pubbliche

BarSicilia

A Bar Sicilia l’assessore regionale Scarpinato: “Ecco il nostro Turismo 4.0” CLICCA PER IL VIDEO

E’ Francesco Scarpinato, l’ospite della puntata numero 217 di Bar Sicilia. L’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo ha parlato del futuro della Sicilia e dei progetti legati al settore che è considerato il volano dell’economia dell’Isola. A intervistarlo, come sempre, il direttore Marianna Grillo e l’editore Maurizio Scaglione. Scarpinato raccoglie un’eredità importante lasciata dall’ex…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.