Condividi

Almaviva: l’azienda vuole scorporare Palermo. A rischio 3.400 dipendenti

giovedì 5 Aprile 2018
almaviva

Desta preoccupazione tra i lavoratori l’operazione societaria che riguarda il call center Almaviva di Palermo. L’azienda, infatti, ha comunicato ufficialmente ai sindacati la sua volontà di voler trasferire la proprietà del sito palermitano ad una nuova società, la Newco Srl, sempre controllata interamente da Almaviva Contact Spa. Di fatto, quindi, nulla cambierebbe sotto il profilo proprietario, ma lo scorporamento, simile ad una cessione di ramo d’azienda, suscita non poche perplessità.

In ballo c’è il destino lavorativo di 3.400 dipendenti, di cui 2.800 a tempo indeterminato che oggi operano nelle quattro sedi della città e gestiscono cinque commesse, tutte in fase di rinnovo contrattuale. L’operazione, infatti, dota il polo siciliano di autonomia giuridica, organizzativa e finanziaria, attribuendogli, come spiega l’azienda stessa in una nota inviata alle organizzazioni sindacali, “una maggiore responsabilità imprenditoriale” e “una maggiore focalizzazione dello stesso verso il riequilibrio complessivo delle entrate e delle uscite”.

“Secondo quanto scritto nella lettera inviata dall’azienda ai sindacati – spiega Stefano Conti dell’Ugl Telecomunicazioni – l’operazione sarebbe mirata a invertire l’andamento negativo che riflette problemi mai risolti e conseguenti alle gare al massimo ribasso, nonchè alla contrazione dei volumi di traffico delle commesse”. Da tempo, infatti il call center di Palermo è oggetto di ripetute vertenze sindacali, di volta in volta ricomposte con accordi raggiunti tra le parti in causa.

Stavolta però la mossa dell’azienda spiazza i sindacati che temono il peggio. “Non solo e’ alquanto difficile convenire sul fatto che la societarizzazione del sito di Palermo possa risolvere problemi di tale natura – continua Conti – ma soprattutto non vorremmo che l’operazione sia propedeutica alla creazione di una bad company, corrispondente al sito di Palermo appunto, dove Almaviva potrà interamente scaricare costi ed esuberi di personale. Ecco perche’ attendiamo l’incontro che si terrà a breve a Palermo con le strutture territoriali e le Rsu per avere un quadro più dettagliato della vertenza”.

Grande attenzione ed impegno assicura il sindaco di Palermo Leoluca Orlando: “L’amministrazione comunale di Palermo, già alcune settimane fa, ha richiamato l’attenzione del governo nazionale uscente sulla necessità di monitorare gli esiti degli interventi sinora attivati per fronteggiare le crisi dei call center. Alla luce della nota inviata stamane da parte del presidente di Almaviva Contact, Andrea Antonelli, il nostro impegno è sempre massimo e siamo pronti a prendere parte ad incontri istituzionali, regionali e nazionali, atti a promuovere il consolidamento delle aziende del settore call center nella nostra città. È massima l’attenzione da parte del nostro territorio per le prospettive del gruppo Almaviva, per il suo sviluppo e futuro nella nostra città”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.