Condividi

Almaviva Palermo: 118 Asu in uscita, a gara la commessa Alitalia

venerdì 14 Dicembre 2018
almaviva

Non finiscono mai le preoccupazioni per i lavoratori del call center Almaviva di Palermo, neanche sotto Natale.

Ieri si sono svolti due incontri: il primo presso l’Assessorato regionale al Lavoro, per comunicare ai sindacati la possibilità di far rientrare nel bacino Asu 122 lavoratori, che da circa 20 anni lavorano per l’azienda; il secondo, invece, in Sicindustria, per informare i rappresentanti sindacali che la commessa Alitalia andrà a gara nei prossimi giorni.

Quest’ultima notizia, in particolare, ha messo in tensione tutti, perché l’azienda potrebbe anche perderla. Un’eventualità che complicherebbe la situazione di crisi oggetto dell’accordo quadro, firmato nel giugno scorso, per la gestione dei 771 esuberi dichiarati, su una forza lavoro di 3.400 persone.

Se i 118 dipendenti ex Asu, che nelle scorse settimane avevano manifestato il loro interesse a fuoriuscire da Almaviva, dovessero confermare le loro intenzioni si alleggerirebbe il carico degli esuberi. Una soluzione indolore sia per l’azienda che per i lavoratori. Quest’ultimi, infatti, tornerebbero a lavorare come precari della Pubblica amministrazione, in virtù di una clausola di salvaguardia sottoscritta quando furono assunti. Gli enti censiti dall’Assessorato disposti a prenderli in carico sono 18.

Maurizio Rosso
Maurizio Rosso

A destare molta inquietudine è, invece, l’esito della gara Alitalia. La compagnia aerea da tempo attraversa diverse turbolenze finanziarie. E’, quindi, molto probabile che voglia puntare al risparmio affidando il servizio ad un prezzo più basso di quello attuale. Condizioni che, sottolinea Giuseppe Tumminia, della Uilcom, “non potrebbero essere accettate. Già oggi la commessa Alitalia gestita dal call center Almaviva di Palermo è lavorata ad una tariffa troppo bassa”. In caso di perdita l’azienda ha fatto sapere di essere costretta a dovere ricorrere a nuovi ammortizzatori sociali.

Per Maurizio Rosso, della Slc Cgil di Palermo, “è tutto inaccettabile. L’azienda non ha fatto nulla di quanto promesso nell’accordo quadro, dal contratto di secondo livello agli investimenti sul settore dell’information technology alla riqualificazione del personale, e per di più viene a dirci che vuole attivare altri ammortizzatori. Non c’è un’idea di sviluppo, nè un piano industriale”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Giovani fuorviati dal crack, crea una barriera insormontabile” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista de ilSicilia.it a Franco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. Il ricordo del figlio, l’impegno quotidiano per sensibilizzare sul tema delle droghe nelle scuole, l’importanza di strutture sul territorio come la “Casa di Giulio” e il centro di pronta accoglienza…

BarSicilia

Bar Sicilia, Di Sarcina e la rivoluzione dei porti del mare di Sicilia Orientale CLICCA PER IL VIDEO

Dal Prg del porto di Catania ai containers ad Augusta, passando per lo sviluppo di Pozzallo e l’ingresso di Siracusa nell’AP, il presidente Di Sarcina spiega obiettivi e progetti

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.