Condividi
l'amara scoperta

Almaviva, servizio 1500. Cassa integrazione per 500 lavoratori. Ugliarolo (Uilcom): “Tavolo di crisi immediato”

venerdì 30 Dicembre 2022

Una letterina di tre righe con i ringraziamenti per il proficuo lavoro svolto e gli auguri per un sereno 2023. Ma che contiene anche la comunicazione di “cessazione del servizio 1500 a partire dal 31.12.2022”.

È così che 500 lavoratori di Almaviva Contact hanno scoperto che, dopo sei mesi di ammortizzatori al 90 per cento, tra due giorni “saranno collocati in cassa integrazione a zero senza alcuna prospettiva occupazionale. Verrebbe il dubbio di trovarsi su ‘Scherzi a parte’”, scrivono in una nota congiunta le segreterie nazionali delle sigle sindacali Slc Cgil Fistel, Cisl e Uilcom Uil.

Non più tardi di 20 giorni fa – dicono -, il ministero della Salute non solo aveva fornito ampie garanzie sulla prosecuzione del servizio, ma addirittura si era spinto nell’individuare soluzioni future strutturali. Oggi il dicastero della Sanità smentisce se stesso e condanna 500 famiglie alla disperazione in aree del Sud già colpite da gravi crisi occupazionali. Siamo innanzi ad una vergogna di Stato, il Ministero della Salute ‘butta in mezzo alla strada 500 famiglie’ tra Palermo, Catania, Rende, Napoli e Milano durante le festività con un cinismo e un disprezzo per i lavoratori senza paragoni”.

Dei 500 lavoratori, ben 400 sono palermitani. Spostati due anni fa dalle vecchie commesse per gestire il servizio telefonico per l’emergenza Coronavirus, sono passati da oltre un milione di chiamate al giorno alle meno di 5 mila: “Da tempo, ormai, superata l’emergenza – spiega Salvo Ugliarolo, segretario nazionale Uilcom Uil -, andavano avanti con appena due o tre giornate di lavoro al mese. La clausola sociale voluta dai sindacati secondo cui chi si aggiudica la commessa deve farsi carico anche dei lavoratori in questo caso non si è potuta applicare. Da un anno stiamo focalizzando l’attenzione nazionale sul problema. Il precedente governo ha tergiversato, dicendo che più in là si sarebbe discussa una soluzione, vista la scadenza al 31 dicembre 2022. Poi, il cambio di legislatura e la necessità di approvare in extremis la legge di bilancio hanno bloccato tutto. Ma pensavamo di avere più tempo per trovare un’alternativa. Tanto che avevamo avviato i contatti con la Regione Siciliana e l’assessore Tamajo si era detto disponibile ad attivare un ponte con Roma. Non ci aspettavamo che potessero liquidare la cosa dall’oggi al domani – ammette -. Adesso, confidiamo in una proroga. Innanzitutto – dice -, chiederemo la convocazione immediata di un tavolo di crisi al Governo, alla presenza del ministro delle Imprese e del Made in Italy e del ministro del Lavoro e delle Politiche sociali. Ciò che si prospetta, intanto – conclude Ugliarolo – è la cassa integrazione per sei mesi, eventualmente rinnovabili. Ma il rischio è che poi si proceda con i licenziamenti”.

Pronta la risposta della Regione e del Governo: fissato il tavolo di crisi per mercoledì 11 gennaio a Roma, nella sede del ministero del Made in Italy e alla presenza del ministro della Salute.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.