Condividi
Il documento

Asp Messina, precari covid senza proroga: “Liquidati con una pec…”

lunedì 16 Gennaio 2023

A Messina ci sono precari covid di serie A e di serie B. Questi ultimi sono tutti quelli chiamati in periodo emergenziale attraverso il bando del Policlinico  nel marzo del 2021 e per i quali, non si sa perché, l’Asp di Messina ha deciso di non concedere la proroga fino al 28 febbraio come invece disposto dall’assessore regionale alla salute Giovanna Volo per tutti i precari covid. A protestare nei giorni scorsi è stato il deputato regionale di Sicilia Vera Pippo Lombardo  (leggi qui)e la Cisl Funzione pubblica che ha chiesto un’ispezione. (qui)

Adesso intervengono direttamente i lavoratori emergenza covid interessati: assistenti amministrativi (Bando Polime), farmacisti, biologi, collaboratori ingegneri, educatori professionali e assistenti sociali che hanno lavorato in prima linea e senza limitazioni nella gestione della campagna vaccinale della provincia di Messina.

Tra le attività svolte- scrivono in un documento- vi sono istituzione e creazione degli Hub, somministrazione dei vaccini, gestione del personale sanitario e amministrativo, rifornimento e stoccaggio dei vaccini e dei dispositivi, esecuzione e esito dei tamponi, provvedimenti di isolamento, vaccini di prossimità, informazioni all’utenza, rilascio green pass, incontri di prevenzione nelle scuole e vaccinazione.

Conclusa la fase emergenziale, i professionisti non hanno mai abbassato la guardia e con grande spirito di responsabilità, sacrificio e dedizione hanno garantito tutte le attività svolte in precedenza  avanzando inoltre proposte, soluzioni e idee che portassero alla istituzione di un metodo di lavoro conciliabile con le mansioni ordinarie (i livelli essenziali di assistenza).

Ad oggi, nonostante le direttive regionali e assessoriali n. 57/540 che prevedevano la proroga di tutti i contratti dei professionisti impiegati nell’emergenza Covid-19, l’Asp di Messina dapprima proroga tutti i contratti per poi in un secondo momento disattendere il riconoscimento di continuità solo ad alcuni- evidenziano- Ciò che lascia interdetti sono le modalità con le quali l’Asp di Messina ha liquidato decine di professionisti, di cui si è servita nel periodo emergenziale come sopra specificato, tramite una semplice Pec e dopo aver dato la certezza di una continuità discriminando delle categorie piuttosto di altre e operando senza alcun criterio. Dietro ogni professionista si celano essere umani che hanno riposto aspettative, progetti e programmi in relazione alla proroga attestata da una delibera del 29/12/2022, e che oggi si ritrovano senza lavoro e con la delusione di essere stati trattati nel peggiore dei modi”

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, scuole, riscaldamenti e pulizia: dai minisindaci le segnalazioni alla II circoscrizione CLICCA PER IL VIDEO

Fotografare lo stato di salute delle scuole elementari della II circoscrizione di Palermo attraverso lo sguardo attento degli stessi alunni. E, allo stesso tempo, avvicinare i più piccoli alla politica, spiegando come funziona la macchina amministrativa.

BarSicilia

Bar Sicilia, Pagana e le sfide del suo assessorato. “Chiarezza su CTS, parchi, balneari e Arpa. FdI? In atto confronto costruttivo” CLICCA PER IL VIDEO

Elena Pagana, assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, è l’ospite della puntata numero 225 di Bar Sicilia. Intervistata da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, Pagana ha parlato della Cts, del futuro dei Parchi siciliani, di Arpa, balneari e, in quanto dirigente di Fratelli d’Italia, ha fatto il punto sullo stato di salute del partito guidato…

La Buona Salute

La Buona Salute 62° puntata: Tecnologia Sanitaria

La 62^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’evoluzione tecnologica in ambito sanitario. Enormi vantaggi e miglioramento della vita per un nutrito numero di pazienti siciliani

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.