Condividi

Aspettando il G7. Lavori e opere di ripristino nelle strade del messinese

giovedì 16 Marzo 2017

Viaggiare lungo le autostrade siciliane è ormai diventato un pericolo costante, una minaccia per la vita e l’incolumità delle persone. L’indecoroso copione della sicurezza che latita è una storia che riguarda la A18 Messina-Catania e chi pensava che il G7 di Taormina avrebbe portato una svolta dovrà mettersi il cuore in pace e realizzare di aver preso decisamente un abbaglio. Il sogno di un importante maquillage lungo le buche della A18, di fatto, è già tramontato. In vista del G7 è stato ufficialmente deciso di riparare tutta la tratta Catania-Taormina e lasciare fuori dagli interventi la Taormina-Messina. Lo si sapeva, lo si ipotizzava, ora questo scenario è realtà. Verrà attenzionato soltanto il versante che collega la Perla dello Ionio con l’Aeroporto etneo. Tutto il resto è “game over”.

Ecco i provvedimenti adottati nelle scorse ore a seguito dell’incontro tra  il commissario straordinario per il G7 Riccardo Carpino e l’assessore regionale alle Infrastrutture Giovanni Pistorio. Erano presenti alla riunione anche i vertici del Consorzio autostrade siciliane, ente che rimane al centro di aspre critiche degli utenti che ogni giorno percorrono la A18 e che nei mesi recenti hanno anche creato un gruppo facebook di protesta (“A18 e A20 le autostrade siciliane della vergogna”) al quale si sono iscritte diverse migliaia di persone. Ed ecco in dettaglio quanto è stato posto in agenda per i lavori, cantieri da 8 milioni di euro.

Lavori sulla Messina – Catania

Si effettueranno, intanto, opere di ripristino della pavimentazione in corrispondenza della barriera di San Gregorio e degli svincoli di Acireale e Giarre dell’autostrada Messina-Catania, per 1.287.000 euro; lavori di ripristino di tratti saltuari di pavimentazione dell’autostrada A18 nella tratta compresa tra la barriera di San Gregorio e lo svincolo di Taormina, entrambe le direzioni, per 1.293.500 euro; ripristino della funzionalità idraulica, pulizia delle gallerie ricadenti nella tratta Taormina-Giardini Naxos dell’autostrada A/18 Messina-Catania, 945.000 euro; manutenzione delle opere in verde nella tratta Taormina- San Gregorio e relativi svincoli dell’autostrada per 586.000 euro.

Ed ancora: lavori di ripristino della segnaletica orizzontale e verticale nella tratta compresa tra la barriera di San Gregorio e lo svincolo di Taormina, entrambe le direzioni, 194.000 euro. Lavori di ripristino delle barriere incidentate nella tratta compresa tra la barriera di San Gregorio e lo svincolo di Taormina, entrambe le direzioni, 189.800 euro.

Lavori urgenti di ripristino della funzionalità idraulica all’interno delle gallerie tratta Messina-Taormina pista monte e valle, 600.000 euro. Lavori di manutenzione inerenti le opere in verde nella tratta Messina-Taormina e relativi svincoli, 320.000 euro. Manutenzione della segnaletica tra lo svincolo di Taormina e la barriera di Tremestieri, 193.800 euro. Lavori di ripristino delle barriere incidentate nella tratta compresa tra la barriera di Tremestieri e lo svincolo di Taormina, entrambe le direzioni, 192.000 euro. Lavori urgenti di manutenzione degli impianti elettrici delle gallerie e degli svincoli, 992.390 euro.

Tra venti giorni inizieranno i primi lavori, a ridosso del G7, che avrà luogo poi a maggio. Solo due o tre interventi sono stati posti, in buona sostanza, in programma lungo la tratta Taormina Messina, destinata a rimanere evidentemente una tratta da Terzo mondo. E chissà quando (e se) verrà sistemata la frana in atto all’altezza di Letojanni. Ma questa è un’altra storia, è il simbolo impietoso dell’autostrada della vergogna di cui avremo tempo e modo di occuparci con un apposito approfondimento.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Cateno De Luca si racconta a Donna Sarina: “Sono andato nell’aldilà e sono tornato” CLICCA PER IL VIDEO

Ospite della prima puntata del format web de ilsicilia.it “Donna Sarina” è Cateno De Luca, ex sindaco di Messina e leader dell’opposizione

BarSicilia

A Bar Sicilia, Nuccia Albano: “Al fianco dei deboli. Rdc? Siciliani chiedono lavoro”

E’ Nuccia Albano, assessore regionale alla Famiglia, Politiche Sociale e Lavoro, l’ospite della puntata numero 224 di Bar Sicilia. Intervistata da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, l’esponente della Dc ha fatto il punto sulle iniziative del Governo a sostegno dei disabili, delle vittime di violenza ma anche sugli interventi a sostegno dell’occupazione

La Buona Salute

La Buona Salute 61° puntata: Cancer Center

La 61^ puntata de La Buona Salute è dedicata al Cancer Center presso l’ARNAS Garibaldi di Catania, con nuovi spazi e tecnologia all’avanguardia per migliorare le prestazioni per i pazienti oncologici

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.