Condividi
Le attività

Cartoni per bevande, a Palermo si riciclano con la plastica: al via la campagna CLICCA PER IL VIDEO

giovedì 27 Giugno 2024

Latte, acqua, succhi di frutta, vino, panna, passata di pomodoro. Sono tutti prodotti che entrano nelle nostre case, ma sapete dove le confezioni di cartone che li contengono vanno gettati? A Palermo saranno gettati insieme alla plastica ed i metalli dal primo luglio.

Oggi,  giovedì 27 giugno, presso la sede di Rap, sono state presentate le attività messe in campo sul territorio per informare la cittadinanza sulle nuove modalità di conferimento nella raccolta differenziata dei cartoni per bevande, per massimizzare la valorizzazione di questa tipologia di imballaggi attraverso il riciclo.

Si tratta di una nuova modalità di raccolta per questa tipologia di imballaggi, fino a poco tempo gestiti con la carta. Un cambiamento reso possibile dalla presenza sul territorio di un nuovo impianto – Ecorek a Termini Imerese, tecnologicamente tra i più evoluti a livello nazionale – in grado di selezionare i cartoni per bevande in maniera efficiente all’interno della raccolta multimateriale (a cui nei prossimi mesi dovrebbe affiancarsi l’impianto LCR con una selezione manuale) – e dalla presenza di un numero elevato di cartoni per bevande all’interno del flusso multimateriale registrata da analisi svolte su questo specifico canale di raccolta.
Una volta recuperati, questi imballaggi vengono avviati a riciclo nella cartiera Lucart (in provincia di Lucca) che ne valorizza tutte le componenti: le fibre di cellulosa diventano nuovi fogli di carta di ottima qualità per la produzione di articoli per l’igiene (fazzoletti, carta igienica, tovaglioli). Mentre, plastica e alluminio sono utilizzati per creare nuovi oggetti di uso comune, come articoli per la casa.

“I cartoni per bevande rappresentano quasi il 2% di tutta la raccolta differenziata multimateriale della provincia di Palermo – spiega Roberto Di Molfetta, Vicedirettore di Comieco -. Stimiamo che nel 2024 – grazie alla nuova campagna – la raccolta di questi imballaggi possa avere una spinta importante passando da 3 a 12 cartoni per bevande recuperati annualmente da ogni cittadino e quindi per Palermo da 2 a 7,5 milioni di imballaggi da quelli del latte a quelli piccoli dei succhi di frutta. Un’opportunità che porta anche benefici economici: aumenterebbero di circa 60mila euro i corrispettivi economici che Comieco riconosce alla città per la loro valorizzazione e che si andrebbero così a sommare agli oltre 500mila euro l’anno già erogati per l’avvio a riciclo della carta e del cartone.
correttamente differenziati”.

“Questa intesa con Comieco – commenta il presidente della Rap Giuseppe Todarorappresenta un ulteriore passo in avanti che ci consente sempre più di sensibilizzare gli utenti ad una corretta raccolta differenziata puntando sulla qualità. Con questa nuova modalità di conferimento, non solo il cartone per bevande potrà essere riciclato nuovamente, ma in questo modo la frazione di cartone acquisirà un valore anche economico importante. Il corrispettivo di raccolta su questa tipologia di frazione previsto da Comieco ammonterà infatti a circa 185 euro a tonnellata. Un salto in avanti di qualità. Soprattutto se si considera che spesso questa tipologia di rifiuto risultava fuori fascia senza possibilità, quindi, di essere riciclata e remunerata. L’obiettivo è rendere sempre più qualificata nella selezione la frazione di materiale differenziato, in questo caso del cartone per bevande liquide, da portare alle piattaforme accreditate dal CONAI, affinché si diminuisca il residuo non differenziato da inviare in discarica. Questa campagna fa parte di un progetto più ampio che vorrei ci avvicinasse sempre di più agli standard di sostenibilità di una città europea. Nel caso specifico, apriremo le porte della filiera del riciclo di carta e cartone a scuole, cittadini, istituzioni e a tutti coloro che sono interessati a capire cosa succede a carta e cartone una volta conferiti negli appositi contenitori e l’utilità del loro impegno quotidiano nel fare la raccolta differenziata. Per questo – conclude Todaro – voglio ringraziare quanti stanno contribuendo a questo progetto: dalle nostre risorse, umane e strumentali, ai consorzi di filiera, come Comieco, sempre più impegnati a supportare la città e la Rap per il potenziamento della raccolta differenziata”.

“L’Amministrazione Comunale in sinergia con i Consorzi di filiera e Rap sta avviando sul territorio di Palermo diverse iniziative che incentivino la cittadinanza alla sostenibilità ambientale e alla riciclabilità dei materiali se vengono correttamente differenziati – dichiara Pietro Alongi, Assessore alle Politiche Ambientali Comune di Palermo -. I rifiuti selezionati vengono portati tramite il gestore del servizio negli impianti di selezione convenzionati Conai, dove avviene un ‘ulteriore separazione meccanica delle varie componenti. In particolare, il lavoro sinergico con il consorzio Comieco che, ringraziamo per l’opportunità, punta a creare una città a misura d’uomo, sempre più ecologica in materia di riduzione dei rifiuti”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.