Condividi

Caso Montante, l’ex leader di Confindustria Sicilia: “Rifarei tutto quello che ho fatto”

sabato 12 Giugno 2021

“Rifarei tutto quello che ho fatto”. Lo ha detto Antonello Montante all’uscita dall’aula bunker del carcere di Caltanissetta dove si è svolta questa mattina l’udienza, a porte chiuse, del processo sul cosiddetto “Sistema Montante”.

L’ex leader di Confindustria Sicilia ha parlato per il secondo giorno consecutivo dinanzi alla Corte d’Appello. Alla domanda dei giornalisti sul bilancio di questi due giorni ha risposto: “Un fallimento totale. Non è una battuta, è un termine che si usa nelle società”.

Poi ha aggiunto: “Bisognerebbe cercarle le istituzioni che hanno fatto questo percorso con me. Non mi sento tradito“.

La storia di Antonello Montante parla da sola: 12 anni sono trascorsi in maniera lineare e limpida“, ha aggiunto l’avvocato dell’ex leader di Confindustria Sicilia, Carlo Taormina, al termine dell’udienza.

“L’ultima tappa – continua Taormina – è stata quella dell’Agenzia dei beni confiscati alla mafia dove era stato nominato componente in coincidenza con l’uscita dell’articolo in cui era stato indicato come possibile presidente ( nel pezzo si diceva che Montante era indagato per mafia ndr)“.

Non penso si tratti di una coincidenza – ha aggiunto Taormina – c’era uno schema di don Ciotti sulle modalità di gestione dei beni confiscati nell’ambito dell’agricoltura. Ciotti e Montante ne avevano parlato e Ciotti aveva invogliato Montante a diventare componente dell’Agenzia”.

Sempre sui beni confiscati Taormina ha aggiunto: “Si tratta della gestione di patrimoni incredibili e quindi le convergenze degli interessi sono facilmenti immaginabili. Ci sono aspetti relativi alla gestione in ambito giudiziario cui la vicenda Saguto (la giudice condannata per corruzione ndr) credo l’abbia detta lunga per molto tempo. Ci sono delle sacche di corruttela che tutti conosciamo in quel settore“.

L’interrogatorio proseguirà per altre quattro udienze: 18 giugno, 6, 9 e 10 luglio.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, arriva il villaggio contadino e “sparisce” il Politeama: è questa la Capitale della Cultura? CLICCA PER IL VIDEO

Ma spieghiamo meglio. Provate a scendere da via Paternostro, angolo via Garzilli: davanti a voi vedrete un muro talmente alto di materiale accatastato, da non riuscire a distinguere più il Politeama

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.